Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Buenos Aires (Argentina) 3 luglio 1953. Editore. Della Codice edizioni. Dal 2003 direttore del Festival della Scienza di Genova. «Cresciuto tra Sestri Levante e Genova, è nipote del Carlo Bo che è stato tra i più importanti critici letterari del Novecento italiano. È anche fratello di altri sei Bo, pure loro nati tra l’Argentina e la Liguria, e cugino di un’infinita cuginanza di Bo, uomini e donne sparsi tra Chiavari e Genova e per lo più devoti a mestieri intellettuali. La famiglia d’origine dei Bo si componeva di cinque maschi: un medico, un notaio, un farmacista, un avvocato e l’ultimo, Vittorio, che invece se ne andò in Inghilterra per importare ed esportare legname. Il nipote, che lo ricorda nel nome, deve aver ereditato un po’ di quella inquieta intraprendenza perché, invece di restare buonino a fare l’amministratore delegato di Einaudi, nel 2001 ha lasciato la casa editrice e l’anno dopo s’è inventato il Festival della Scienza di Genova» (Maria Latella).
• «Il Festival di Genova non è solo la costruzione di un calendario ancorché ricchissimo di mostre, eventi teatrali e musicali, laboratori, conferenze. Ha un “carattere”. Secondo Bo, anzi, è una sorta di nuovo media» (Erika Dellacasa).