Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 11 Lunedì calendario

BERTON Andrea

Biografia di BERTON Andrea

Biografia di Andrea Berton

• San Vito al Tagliamento (Pordenone) 20 settembre 1970. Cuoco. Dal 13/12/2013 chef patron del Ristorante Berton a Milano. Due stelle Michelin (2008 e 2009).
• Vive l’intera fanciullezza a San Daniele del Friuli, patria del noto prosciutto. «Sarà per questo imprinting gastronomico, che si appassiona alla cucina. “Da bambino, mi piaceva osservare mia madre al lavoro. Vedere la carne che si cuoce, che si trasforma...”» (Massimo Valerio Visintin) [CdS, 6/8/2007] 2/11/2011].
• Subito dopo la maturità alberghiera, lavora con Gualtiero Marchesi nello storico locale di Via Bonvesin de la Riva, a Milano; poi all’Enoteca Pinchiorri di Firenze, assieme a Carlo Cracco, e a Montecarlo con Alain Ducasse.
• Guadagna la sua prima stella Michelin mentre è chef della Taverna di Colloredo a Monte Albano (Udine). Nel 2001 torna con Gualtiero Marchesi nel nuovo locale di Erbusco (Brescia).
• Nel 2005 collabora con Trussardi per l’apertura del ristorante Trussardi Alla Scala, che porta presto al successo internazionale. «A dispetto della stazza da corazziere, del vocione baritonale, Berton indossa un aplomb fine e cortese, da gentiluomo d’ altri tempi. E probabilmente ha assorbito da Marchesi anche la signorilità con la quale affrontare le critiche. “Certo. Le critiche sono uno stimolo fondamentale”. E le provocazioni? Ne racconta una divertente. “Qualche mese fa, un signore è venuto qui a cena. Ha assaggiato diverse cose con soddisfazione. Ma quando vado a salutarlo, mi dice: voi che fate questi piatti complicati siete capaci di fare una spaghetti al pomodoro? Ho raccolto la sfida e glieli ho fatti come si deve: è rimasto entusiasta”» (Visintin, cit).
• Nel 2012, non senza polemiche, lo chef è allontanato dalla guida del locale (che passa alla guida dello chef Luigi Taglienti). Comunica alla stampa: «È una decisione unilaterale da parte della proprietà, che non condivido né nella forma né nelle motivazioni addotte. Per questo motivo da ora in poi saranno esclusivamente i miei legali ad occuparsene» (Andrea Berton) [22/6/2012].
• Oltre al nuovo ristorante che porta il suo nome, come imprenditore Berton apre nel 2012 il bistrot a prezzi leggeri Pisacco, in Via Solferino a Milano, e l’anno dopo, pochi civici accanto, Dry, un tapas bar-pizzeria.