Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Firenze 31 maggio 1947. Francesista. Professore di Lingua e letteratura francese all’Università della Tuscia di Viterbo. Allievo di Giovanni Macchia, laurea nel 1972 all’Università La Sapienza di Roma, è conosciuto soprattutto per i lavori su Marcel Proust «Due grandi studiosi italiani — Alberto Beretta Anguissola e Daria Galateria — hanno provato, con un lavoro monumentale, a illuminare tutti gli angoli oscuri nella Recherche. Un’impresa ultradecennale i cui frutti oggi corredano meravigliosamente l’edizione dei Meridiani Mondadori» (Alessandro Piperno) [Cds 18/3/2012].
• Dal 1978 all’81 fu giornalista nella redazione esteri del Tg1 e successivamente ha collaborato con le pagine culturali di Repubblica.
• È uno dei tanti illustri ex studenti dell’Istituto Massimiliano Massimo (fra gli altri: Francesco Rutelli, Paolo Cuccia, Antonio Padellaro), la scuola romana dei padri gesuiti erede del Collegio romano fondato da Sant’Ignazio di Loyola nel 1550 e sfrattato dall’Italia Unita nel 1870 (vedi ROZZI Franco).
• «Leggere Proust è imbarcarsi per un avvincente e non breve viaggio intellettuale e spirituale. Forse ne torneremo mutati, e qualcuno stenterà a riconoscerci» [da Proust inattuale, Bulzoni 1976].