Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

Milano 28 ottobre 1934. Imprenditore. “Principe dell’inchiostro” (Total). Presidente di Cabefin SpA e del cda del Sole 24 Ore (dall’aprile 2013). Già presidente della Federazione nazionale dei Cavalieri del Lavoro (dal 2007 al 2013), di Federchimica (da giugno 1993 a giugno 1997) e di Assolombarda (da giugno 1997 a giugno 2001).
• «Ho il porto d’armi ma la pistola non la porto dietro: la gente come me non sa uccidere, muore ammazzata» [Grn 12/1/1999].
• In buoni rapporti con Roberto Maroni. «Maroni le aveva offerto un posto in Regione... “Guardi, già in passato mi era stato proposto per due volte di candidarmi in Parlamento. Ho sempre ritenuto che non fosse il caso di approfittare della visibilità garantita da ruoli di rappresentanza per accedere a una carica politica”» (Rita Querzè) [Cds 27/2/2013]. Candidato da Maroni, fu nominato responsabile della Fondazione Fiera Milano. «Come vede l’avventura Expo? “Ero nel comitato strategico e nel 2008 mi ero permesso di dire che eravamo in ritardo”. E oggi? “Ne sono un grande supporter, perché è una straordinaria opportunità per Milano, la Lombardia e l’Italia. Abbiamo bisogno di far crescere la nostra immagine nel mondo e di farci conoscere attraverso i nostri prodotti e le nostre imprese. Dobbiamo puntare su creatività, tecnologia e stile”» (Elisabetta Soglio) [Cds 31/7/2013].