Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  luglio 16 Lunedì calendario

• Tortona (Alessandria) 14 agosto 1938 – Tortona 16 aprile 2011. Fisico. Laurea nel 1962 all’Università di Genova, nell’80 vinse il concorso per la cattedra di prima fascia in “Storia della Scienza”. A lungo docente di Storia della Scienza presso l’Università di Padova. Dal 1996 al 2008 direttore della rivista Le Scienze.

• «“Folgorato” sulla strada delle neuroscienze» (Franco Prattico).

• «Dalle colonne dell’edizione italiana di Scientific American ha combattuto le sue più importanti battaglie, in primis per il riconoscimento del valore della ricerca e per la dignità della cultura scientifica. Paladino del pensiero scientifico, era un intellettuale di rango, riservato e umile, che lavorava sodo e non amava fare vetrina» (Marco Cattaneo). [la Repubblica 17/4/2011]

• «Intellettuale insofferente delle concezioni falsamente profonde dei “metafisici”, per i quali “la scienza non pensa”, portato invece, con grande concretezza, a guardare in faccia le difficoltà dell’esistenza, l’ho visto negli ultimi anni amareggiato per una politica come quella del nostro Paese, caratterizzata da riforme velleitarie e inerzia conservatrice, costellata di tanta retorica pseudo-umanistica e altrettanta diffidenza per la sobrietà scientifica. Ma Enrico è rimasto fino all’ultimo dell’opinione che la scienza sia cultura a pieno diritto, anzi un tipo di cultura libero e liberante» (Guido Giorello). [Corriere della Sera 18/4/2011]