Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Foligno (Perugia) 17 febbraio 1951. Politico. Ex deputato. Del Pdci. Laurea in Pedagogia, consigliere regionale del Pci dal 1976 all’85, vicepresidente della Giunta provinciale di Perugia e assessore, ha aderito al Prc e poi al Pdci. Ministro per gli Affari regionali nei due governi D’Alema (1998-2000), per le Pari opportunità nell’Amato II (2000-2001). Non eletta nella XVI legislatura. Polemica con Diliberto («Ma quale centralismo democratico, il suo è centralismo autoritario!»), ha presentato una sua lista al congresso Pdci del 2008 ottenendo il 12%.

• Dopo essere passata a Sel, ne è uscita polemicamente nel 2010, dicendosi «stanca di lotte fratricide. Preferisco essere una nomade della sinistra».

• «Oggi pensionata con due legislature (si occupa dell’orto e della mamma)» (Jacopo Iacoboni). [La Stampa 23/11/2012]

• «Ministro per caso, approdata agli Affari regionali perché bisognava dare qualcosa a Cossutta. La Salvato aveva detto no, Maura Cossutta non si poteva. D’Alema voleva a tutti i costi una donna...» (Maria Latella).

• Passione per la boxe esibita in una rissa a Porta a Porta con la Mussolini: «Porta sempre un paio di guantoni da kick boxing in auto e corre ad allenarsi appena può, sostiene che è “uno sport educativo, aiuta anche nella vita e nella politica”» (La Stampa).

• Segue l’oroscopo («se sono in casa Paolo Fox non me lo perdo mai»).