Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Torino 25 luglio 1962. Giornalista. Vicedirettore di Libero (dal 2009). Già direttore di Italia Oggi e del Tempo. Si firma anche con gli anagrammi Fosca Bincher e Chris Bonface, «uno sfogo per la sua esuberanza di cronista e un bell’affare per il suo editore Paolo Panerai che, pagando uno, si ritrovava due o tre giornalisti» (Maria Latella).
• A 18 anni inizia, per caso, la sua carriera giornalistica in una radio di proprietà dei Salesiani. Pur non sapendo nulla di economia, svolge uno stage al Mondo economico, dove si occupa di tradurre le notizie dai giornali venezuelani («e non conoscevo lo spagnolo»). Ha lavorato per Il Sabato e Milano Finanza, di cui è stato vicedirettore.
• Direttore del Tempo dal 2002 al 2006: «Franco Bechis è uno di quei giornalisti per i quali la notizia è un mito e non c’è regola morale. Spesso ha un registratore in tasca e un microfono nascosto sotto la manica della giacca. Nel suo ufficio di direttore di Tempo, mi mostra tutti i marchingegni elettronici, suoi complici in decine di scoop: “Spesso ho il corpo percorso dai fili dei microfoni. Quando mi presento sono un uomo cablato”» (Claudio Sabelli Fioretti) [Sette 17/6/2004]. Il cuore batteva a sinistra: «“Avevo 15 anni, sono scappato di casa e sono andato a Bologna. Andai a casa di Guccini”. “Lo conoscevi”? “No. Ma mi sembrava del tutto normale che mi ospitasse. Era un compagno. Ed era il mio mito. Non mi fecero nemmeno entrare. Sono rimasto in mezzo alla strada, ci fu una terribile nevicata, un freddo fottuto, ho dormito alla stazione due notti, mi hanno beccato i poliziotti e se Dio vuole mi hanno rispedito a casa”» (Sabelli Fioretti, cit.)
•Nel 2007 lo scoop sull’acquisto della casa romana di Ezio Mauro, venditrice la madre di Alberto Grotti, ex vicepresidente dell’Eni, e pagata in parte con assegni in nero: «Grotti aveva bisogno della cifra proveniente dalla vendita dell’immobile per querelare Repubblica colpevole di aver pubblicato un articolo diffamatorio nei suoi confronti» (Franco Bechis) [fbechis.blogspot.it].
• Gestisce un blog, usa twitter e facebook, nel quale ha utilizzato a lungo un profilo di copertura, “per capire chi mi legge, fare botta e risposta e commentare, senza i pregiudizi di chi mi conosce”.
• Sposato, ha tre figli: Chiara di 22 anni, Francesco di 18 e Luca di 14, per i quali svolge il servizio taxi. Vive a Roma dal ’90, città di cui è innamorato e dove ha scoperto che il cielo è azzurro con le nuvole bianche.
• Tifoso juventino, è riuscito a trasmettere la fede calcistica solo a uno dei suoi ragazzi, gli altri 2 sono romanisti. Ogni tanto il calcio, oltre a vederlo allo stadio, lo pratica, intrufolandosi nelle squadre dei figli.
• Un incidente con lo scooter, in cui si è rotto un ginocchio, l’ha costretto ad abbandonare le due ruote e a passare a una Smart.
• Appassionato di champagne, ama andare alla ricerca di aziende vinicole piccole e indipendenti. Il cinema è la sua più grande passione, è abbonato a tutti i canali televisivi e online, ma preferisce andare al cinema con la moglie Monica Mondo (figlia dell’editorialista della Stampa Lorenzo Mondo).
• Voleva fare il professore di filosofia.