Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Palermo 5 marzo 1935. Fotografa. Nell’85 fu la prima europea a vincere il W. Eugene Smith Award.
• «Ho lavorato per L’Ora di Palermo dal 1974 al 1991. A ogni delitto ero obbligata a correre sul posto e a scattare, ma non avrei voluto. Mi veniva da vomitare, continuavo a sentire l’odore del sangue dappertutto, anche a casa mia. Mi costava molto dolore. Non ero una fotografa che documentava un conflitto estraneo. Ero nella mia isola, in mezzo a una guerra civile».
• Cresciuta nell’ambiente borghese palermitano, dopo il divorzio si era trasferita per qualche tempo a Milano, dove scriveva per alcuni giornali. Poi era tornata in Sicilia, con tre figlie a carico, perché aveva capito che le interessava soprattutto fotografare la vita nella sua terra. Nel 75 incontra Franco Zecchin che per vent’anni diventa suo compagno nella vita e nel lavoro, in prima linea a documentare la guerra tra cosche tra la fine degli anni Settanta e la fine degli anni Ottanta. Il suo archivio racconta l’egemonia del clan dei corleonesi, contiene non solo storie di morti ammazzati ma anche le altre violenze che hanno assediato Palermo e la Sicilia tutta: dai palazzi che crollano alle montagne di spazzatura, dalla mancanza d’acqua al dramma dei senza tetto. Con l’assassinio del giudice Falcone (23 maggio 1992) prende le distanze dalla fotografia. «Non riesco più ad avere a che fare con la violenza. Per molto tempo non ho avuto il coraggio di ammetterlo, poi ho deciso. Un giorno, a New York, un mio amico che stava in carcere mi chiese di fotografare i grattacieli. Io ci provai. Puntai l’obiettivo su quei palazzi immensi. Ma non scattai. Preferii fotografare i fili d’erba che crescevano davanti agli edifici. È di questo che ho voglia adesso, delle piccole cose che basterebbero per essere felici».
• Daniela Zanzotto nel 96 ha girato un film sulla sua vita, Battaglia. Nel 1999 ha ricevuto il premio al fotogiornalismo The Mother Jones Achievement for Life.
• La stilista Chiara Maio ha stampato alcune delle sue foto più famose su una linea di borse.
• Consigliere comunale a Palermo nell’86 con i Verdi, poi assessore alla vivibilità urbana con Orlando e infine deputato regionale con La Rete. Candidata per Sel alle comunali del 2012, non è stata eletta. «Ho un ottimo ricordo del mio lavoro all’assessorato, perché ho potuto operare concretamente, pulire le piazze, sporcarmi le mani. Abbiamo piantato molti alberi in quegli anni: mi piaceva avvicinare la gente a una città più ricca di verde. Finito l’incarico continuai a lavorare con Orlando come consulente esterno per il carcere. Quando lavoravo al giornale provavo vergogna a fotografare la gente ammanettata, sentivo di fargli violenza. Chiesi di lavorare nel carcere perché non provo odio verso chi lavora per la mafia, anzi penso che alcuni di loro vorrebbero cambiare vita. Per questo ho sempre creduto che la lotta alla criminalità non possa limitarsi alla via repressiva».
• A Palermo vorrebbe realizzare il Centro internazionale di fotografia, metà museo e metà scuola di fotografia e galleria (a cura di Lauretta Colonnelli).