Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Milano 20 dicembre 1928. Imprenditore. Politico. Laurea in Economia e Commercio alla Bocconi, poi borsista Fulbright alla Cornell University (Usa) e specializzazione successiva in Scienze Economiche alla London School of Economics.
• Consigliere e assessore del Comune di Milano dal 1956 al 1970. Primo presidente della Regione Lombardia dal 1970 al 1974, deputato al Parlamento dal 1976 al 1982; dal 1982 al 1997 è stato presidente della Camera di Commercio Industria e Agricoltura di Milano nonché presidente dell’Unione delle Camere di Commercio Italiane (Unioncamere) dal 1983 al 1992. Membro della V consiliatura del Cnel dal 1989 al 1995, in qualità di esperto. Dal 1993 al 1999 è stato presidente dell’Associazione delle Camere di Commercio Italiane all’estero (CCIE).
• Autore di numerosi saggi e studi di politica ed economia ha scritto Le redini del potere con Giacomo Corna Pellegrini (Ceschina, 1959), Occidente scomodo (Vallecchi, 1978), L’Italia si è rotta (Laterza, 1996), Milanesi senza Milano (Mursia, 1999), Globali e Locali! libro intervista di Sergio Roic (Giampiero Casagrande, 2002).
• Nel 2011 ha fondato il "gruppo di iniziativa per il 51%", formato da 51 personalità note a Milano (ex politici, docenti universitari, professionisti, etc.), che ha appoggiato apertamente il candidato sindaco Pisapia (al ballottaggio ha superato la percentuale auspicata dal gruppo).
• «Alla battaglia per decentrare il potere a Regioni e Comuni ha dedicato tutta la vita. Nel 1970 fu il primo presidente della Giunta lombarda. “Che sarà di questo Paese”, gli disse una sconsolata Nilde Iotti presidente della Camera quando si dimise da deputato (1982), “se le persone come lei lasciano il Parlamento per andare a presiedere una Camera di commercio, sia pure quella di Milano?”. Ci passa molta più storia lì “che in quel cadavere ambulante di Montecitorio”, le rispose lui, e tirò dritto, convinto che a Roma restava poco da fare, che il futuro si sarebbe giocato e costruito tra il globale e il locale: Globus et locus, recita infatti il nome dell’Associazione che oggi Bassetti presiede, emanazione di tre Camere di commercio, Regioni Lombardia e Piemonte, varie Fondazioni bancarie, Università cattolica e persino la città di Lugano» (Roberto Di Caro).
• «Fatte le regioni, ora bisogna fare il regionalismo»
• «Il controllo sociale si esercita più facilmente se c’è vicinanza tra il potere e i cittadini; se il sindaco s’ingozza di tartine al caviale a carico del Comune lo viene a sapere tutto il paese».
• Sposato con Carla Bonomi. Ha cinque figli.
• Passioni. Atletica: nel 1948 fu riserva della staffetta 4x100 arrivata terza in finale; faceva parte della squadra anche lo stilista Ottavio Missoni. Amante delle nuove tecnologie: per i suoi 70 anni ha ricevuto in regalo un sito internet (non più attivo).