Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Corigliano Calabro (Cosenza) 28 giugno 1960. Ex killer della ’ndrangheta (la madre ebbe una figlia da Antonio Di Cicco, il “padrone” di Corigliano). Soprannomi: “il tedesco”, “faccia d’angelo”, “il gelido”, “il killer”. Nel 1961 lasciò la Calabria con la sua famiglia ed emigrò in Germania; nel 1979, su ordine di Di Cicco, fece ritorno in paese.
• «La sua corsa finisce il 2 maggio 1998 alla stazione di Kempten. È in missione per riscuotere un debito non pagato. La polizia tedesca lo ferma e lo arresta. Dopo un anno decide di collaborare. Il clan Carelli viene smantellato, sia in Germania che in Italia, 250 arresti in 5 anni. Oggi Basile vive da qualche parte nell’Italia settentrionale, sotto falso nome» (Marco Imarisio).