Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Roma 26 ottobre 1985. Giocatore di basket. Dei New York Knicks (Nba). Dal 2006 al 2013 ha giocato con i Toronto Raptors. «A 5 anni volevo fare il benzinaio: pensavo tenesse per sé tutti i soldi che guadagnava».
• Alto 2,11. Cresciuto con Trezzano Rosa (minibasket), Treviglio e Stella Azzurra (giovanili), la Benetton Treviso lo fece debuttare in A il 12 ottobre 2003, nel 2006 arrivò lo scudetto. È l’unico europeo della storia scelto con il numero 1 al “draft” Nba (è come se i giocatori candidati ad essere ingaggiati fossero messi in un recinto e scelti uno per uno a turno dai manager delle squadre, badando che la prima a scegliere sia la squadra più debole): «A differenza di Yao Ming, il cinese pescato al numero 1 nel 2002, Bargnani non rappresenta un mercato ghiotto per la Nba. Il suo è un caso di talento puro» (Riccardo Romani).
• Dopo un ottimo inizio in Nba sono seguite stagioni altalenanti, segnate da una lunga serie di infortuni.
• «Lo chiamano Mago, per quello che ha fatto vedere la prima volta che è sceso in campo con la maglia del Benetton, in un torneo estivo. Ma anche perché dicono assomigli al Mago G della Galbusera. È il prototipo del cestista del nuovo millennio: un 2.10 con la grazia, l’agilità e il tiro da fuori di un’ala piccola, il palleggio di un play, ma al tempo stesso i movimenti spalle a canestro di un pivot. Il giocatore totale, senza limitazioni di ruolo. Il classico atleta che fa impazzire gli scout Nba, che sprecano il termine più abusato del nuovo linguaggio: upside, ovvero potenziale in chiave futura» (Massimo Oriani).
• «È un atleta fantastico. Sa far tutto ciò che un giocatore di basket deve saper fare. È forte nei rimbalzi, magnifico nelle schiacciate. Sa tirare da tre» (Walter Veltroni).
• «In Nba un punto in più vale un dollaro in più. Non conta altro. Se fai 20 punti sbagliando 15 tiri nessuno lo noterà, ma valgono i 20. È orrendo, pero va così. Se hai cifre buone guadagni». [Stefano Valenti, la Repubblica 28/2/2011]
• «Di natura sono un tipo introverso e non mi piace chiacchierare con tutti. Ho una cerchia ristretta di amici con cui sono totalmente diverso. Spesso anche mia madre si lamenta che non le dico le cose, ma sono fatto così: da bambino quando i miei genitori si sono separati ho iniziato a parlare poco. Ognuno ha i suoi difetti...».
• Fidanzato dal 2010 con la modella colombiana Nawal Ayoub.