Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

Nola Canavese (Torino) 11 gennaio 1940. Ex ciclista. Concluse due volte consecutive il Giro d’Italia in maglia rosa (1962, 1963) senza vincere una tappa: «Ero lì davanti, mi bastava. Tanto qualcuno degli avversari più forti saltava sempre. Il gruppo mi rispettava, non toglievo il pane di bocca a nessuno. Il pubblico forse preferiva altre cose, ma io ero fatto così. Conoscevo le mie possibilità».
• Racconta: «Ebbi una brutta caduta al Giro del ’71, vicino Melfi: un cane attraversa la strada, un brutto volo come al Tour ’63. Spalla fratturata. Mia moglie, che è incinta di sette mesi, ascolta la radio, si sente male. Prendo l’aereo, arrivo a Torino e mio figlio è nato nella notte. Ho capito che era ora di smettere: avrei corso frenando, non sarebbe stato onesto continuare» (Cesare Fiumi) [CdS 26/03/1994].