Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Verbania 17 febbraio 1950. Regista. Autore. Attore. Narratore. Nel 1975 fondò insieme a Tiziana Lucattini e Licia Maglietta il gruppo Ruotalibera. Nel 1991 costituì con Maria Maglietta (sua moglie e stretta collaboratrice) la compagnia Trickster-Bricconi Divini. A partire dall’88 ha iniziato ad approfondire la ricerca sulla narrazione orale e ha realizzato come attore-narratore Storie (1989), Kohlaas (uno dei testi storici del cosiddetto “teatro di narrazione”, in collaborazione con Remo Rostagno, 1990), Frollo (1993) e Tracce (1996).
• Premio IDI 1994.
• «Amo il teatro che ti lascia inquieto e per questo mi sono posto molte domande, cercando risposte “sensoriali”: il mio corpo di narratore doveva sentire, vedere, annusare le cose di cui si stava parlando. Solo in questo modo l’invisibile diventa visibile» (Claudia Cannella). [CdS 23/3/2010]
• Nel 2012 ha diretto Furioso Orlando. Ballata in ariostesche rime per un cavalier narrante, riduzione teatrale del poema di Ludovico Ariosto da lui stesso approntata: «Abbiamo riscritto, ridotto, tagliato, montato, scempiato con amore i 38 mila versi dell’Ariosto in un compendio quasi francescano, senza inventare nulla e rispettando lo spirito dell’opera» (Maurizio Porro). [CdS 16/3/2012] Protagonista assoluto Stefano Accorsi.
• Al cinema, nel 2007: In memoria di me di Saverio Costanzo e La ragazza del lago di Paolo Sorrentino, con Toni Servillo. In teatro, il narratore dell’Oedipus di Stravinskij andato in scena al Regio di Torino (regia di Roberto Andò) e poi lo Sciascia di La notte delle lucciole, scritto con Roberto Andò, in cui lo scrittore di Racalmuto, dialogando con Pasolini, racconta gli ultimi anni della storia d’Italia.
• È soprattutto impegnato nel teatro per ragazzi, con una forte vocazione sociale e terzomondista. A Nairobi, per il progetto Pinocchio nero, ha raccolto un gruppo di ragazzi di strada dai 10 ai 17 anni dando loro la possibilità di recitare in una trasposizione teatrale africana della favola di Collodi (Giancarlo Grossini). Da questa esperienza Angelo Loy ha tratto il film The Black Pinocchio-Chokora. Nel 2007 ha portato in scena i bambini di Nairobi anche in Italia (tournée L’amore buono: una ballata ai tempi dell’Aids). Ricordiamo anche, nella medesima direzione, il festival Zona franca. Nel 2013 ha allestito La famosa invasione degli orsi in Sicilia, adattamento teatrale del racconto di Dino Buzzati (1906-1972).
• Ha pubblicato da Mondadori la fiaba Il signor Ventriglia, scritta col figlio Mirto.