Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

Biografia di Ramona Badescu

• Craiova (Romania) 29 novembre 1968. Attrice. «Dottoressa in Economia e commercio, sbarca da noi nel 1990 e contribuisce a sdoganare la Romania in Italia» (Antonello Capone). Esordio nel 1994 con Villaggio e Pozzetto ne Le nuove comiche (Neri Parenti), divenne un volto familiare grazie alle frequenti apparizioni al Maurizio Costanzo Show. Da ultimo vista nella miniserie tv Lo scandalo della Banca Romana (Raiuno, 2010).
• «Perché è venuta in Italia? Dopo Ceausescu, le autorità volevano migliorare all’estero l’immagine del Paese. Io ero già nota come attrice e cantante. Potevo scegliere di esibirmi ovunque in Europa. Ho preferito l’Italia da cui i romeni provengono e sono rimasta» (Giancarlo Perna) [Gio 2/2/2009].
• Era sposata con un italiano: «Eravamo su un volo Roma-Milano, seduti vicino, e non mi ha rivolto una parola. Dopo qualche giorno, mi ha visto ospite da Costanzo e ha mandato alla redazione del programma un bouquet immenso con il suo biglietto da visita».
• Ha ottenuto l’annullamento dalla Sacra Rota. Da allora «allora sono single. Macché fidanzato… Ho solo una cagnetta».
• Nel 2008 candidata alle amministrative a Roma con una Lista Civica per Alemanno («mi aveva chiamato anche Rutelli, però... dopo l’esperienza comunista di Ceausescu, non ce l’ho fatta ad accettare»). Non è stata eletta (54 voti in tutto), tuttavia, l’ex sindaco di Roma la nomina consigliere «per le questioni dei romeni», incarico svolto gratuitamente. Contestata dai suoi connazionali di Roma: «“Va bene che una donna sia bella, se fa un calendario glielo compro”, dice Cosmin, 58 anni, in Italia da più di dieci. “Ma non voglio una persona così in Comune, è inadeguata e non conosce i nostri problemi” “Critiche bene accette, ho ancora molto da imparare”» [Repubblica.it, 30/11/2008].
• «“Metterei al potere solo donne belle. Hanno già ricevuto tanto da Dio che sono serene. Non hanno il rancore delle deluse. La bellezza esterna è anche bellezza interiore”. Il politico italiano che le piace di più? “Sofia Loren. Ha fatto tante cose per l’Italia nel mondo. Ha pubblicizzato la cultura, la donna che si dedica alla casa, il cuore, la pizza. Non mi piace la politica politicante, ma quella del fare”. Tra i politici veri? “Andreotti. Rappresenta l’arte del governo. Il mistero, i baci dati e non dati”» (Perna, cit.).
• Nel 2010 partecipa a Satra, un reality romeno, nel quale i personaggi noti sono ospiti in un campo nomadi attrezzato. «“Nessuno avrebbe mai detto che l’avrei fatto. Perché per risolvere i problemi bisogna capirli, e per capirli devi entrarci dentro”. Quanto c’è stata? Un giorno e una notte. Però sono state 24 ore molto intense”» (Carola Uber) [Chi 23/2/2011].