Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

• Marano (Napoli) 22 giugno 1951. Camorrista. Luogotenente di Angelo Nuvoletta.
• Detto “Maurizio ‘O Corvo”.
• Detenuto, condannato all’ergastolo con isolamento diurno (sentenza definitiva il 13 ottobre 2000), per concorso nell’omicidio di Eduardo Di Ronza, camorrista, poi collaboratore di giustizia (ucciso in Torre Annunziata il 3 novembre 1989), e del giornalista Giancarlo Siani (ucciso a Napoli il 23 settembre 1985), con l’aggravante della premeditazione e del motivo abbietto. • Condannato in via definitiva all’ergastolo il 9 novembre 2007 per concorso, con Angelo Nuvoletta (vedi scheda), nell’omicidio di Vittorio Vastarella e del figlio Luigi (membri del cartello Bardellino-Alfieri, alleati dei Badalamenti, dei Bontade e degli Inzerillo), e dei loro accompagnatori Gennaro Salvi, Gaetano Di Costanzo e Antonio Mauriello. I Vastarella furono attirati con l’inganno nell’abitazione di Nuvoletta e qui strangolati, gli altri uccisi a colpi di arma da fuoco. I corpi di tutti e cinque furono poi sciolti nell’acido (il delitto fu consumato all’epoca dell’alleanza dei Nuvoletta coi corleonesi).
• L’ 8 gennaio 2010 è diventata definitiva la condanna per associazione di stampo mafioso, alla pena di anni dieci e mesi sei di reclusione, per aver fatto parte di un superclan Nuvoletta-Gionta (il clan Nuvoletta stava sopra al clan Gionta), a sua volta affiliato a Cosa Nostra.
• Aveva iniziato la sua carriera negli anni Settanta come segretario dell’ufficio di Michele Zaza, boss storico del contrabbando di sigarette. In via Serapide a Santa Lucia, negli stessi locali del PSDI. Baccante riceveva i clienti per conto di Zaza (a cura di Paola Bellone).