Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Caltanissetta 18 maggio 1945. Giurista. Laureato in Giurisprudenza, fu prima avvocato e poi (dall’82) giudice a Palermo nel pool antimafia con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Eletto deputato nel 1992 (Pri) e nel 1994 (Alleanza Democratica), senatore nel 1996 e nel 2001 (Ds), fu sottosegretario al ministero di Grazia e Giustizia nel Prodi I, D’Alema I e II (1996-2000).
• Elogi da Andreotti per come seppe gestire i pentiti. Lui: «È vero che qualche volta i pentiti non sono stati gestiti con la professionalità necessaria. Alcuni colleghi si sono lasciati prendere per mano dai pentiti. Ma non sto pensando neanche lontanamente a Giancarlo Caselli».

• Ultimo libro: Troppe coincidenze. Mafia, politica, apparati deviati, giustizia: relazioni pericolose e occasioni perdute (Mondadori 2013).