Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Napoli 1 marzo 1955. Sassofonista. Cantautore. Tra i suoi lavori Salvamm ’o munn (2004), «un disco che è entrato nella top ten del Bbc World Music Award, una felice fusione del momento migliore della world music con le istanze popolari e la ritmica travolgente di Avitabile & compagni» (Flaviano De Luca). 
• Tra i molti concerti ricordiamo quello in piazza San Giovanni, nel 2007 a Roma, in occasione del 1° maggio (in coppia con Khaled).

• Nel 2009 ha vinto il Premio Tenco con Napoletana, nel 2012 con Black Tarantella. Ha pubblicato il libro didattico Scale rare e ritmi del mondo (Guitart, 2010).
• «La musica dell’artista nato nel quartiere Marianella nel 1955 è un misterioso, lieto intreccio di jazz, funk, musica popolare italiana e world music. È bulimico di ritmi, melodie, suoni e strumenti musicali d’ogni tipo. Ha una vasta collezione di scale musicali da tutto il mondo, partiture, flauti, sassofoni (il suo primo strumento), tamburi e altri ancora, molti esotici e sconosciuti ai più» (Anselma Dell’Olio) [Il Foglio 24/8/2012].
• Nel 2012 il premio Oscar Jonathan Demme ha girato su di lui il documentario Enzo Avitabile – A music life, presentato in anteprima mondiale alla Mostra del cinema di Venezia.