Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

Tarvisio (Udine) 20 luglio 1937. Generale. Fino al 2001 Capo di stato maggiore della Difesa. Con Massimo D’Alema a Palazzo Chigi gestì la guerra del Kosovo, «ricevendo l’ordine di far partire i bombardieri che attaccarono la Serbia» (Vincenzo Nigro) • «Ha combattutto nella guerra del Golfo, e da allora si è guadagnato l’intimità di mezza famiglia reale saudita» (Nigro) • A lungo (fino al 2012) presidente della Vitrociset, di cui il settore degli appalti militari rappresentano la metà del fatturato: «Ambiente connotato in modo inconfondibile da uomini delle ex Partecipazioni Statali e il più classico generone romano» (Gianfrancesco Turano). Intervistato nel febbraio 2012 dal Foglio a proposito delle vicende di presunte mazzette girate intorno al contratto per 12 elicotteri stipulato tra AgustaWestland e il governo indiano nel 2010, ha detto: «Occorre ammettere che nel settore della difesa pagare i servizi di intermediazione, di natura anche dubbia, è pratica comune, addirittura legalizzata in diversi paesi occidentali grazie al segreto di stato» • Membro del comitato esecutivo dell’Istituto affari internazionali.