Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

Pisa 22 aprile 1994. Modella. Miss Italia 2013 (74esima edizione, la prima trasmessa da La7).
• Genitori siciliani, papà Diego tenente colonnello della Guardia di Finanza e mamma Rita casalinga, è cresciuta a Messina, dove si è diplomata al liceo scientifico. Si è poi iscritta a Giurisprudenza internazionale alla Cattolica di Milano. Qualche pubblicità e servizio fotografico prima di Miss Italia.
• Alta un metro e settanta, capelli castano-biondo e occhi verdi. «Sottile ma non troppo, un viso non banale, che sembra fatto apposta per il cinema (quasi un mix tra Michelle Pfeiffer e Lauren Hurron, a ben guardare)» (Dea Verni) [Oggi 30/10/2013].
• «Fa vistosamente eccezione alla regola delle Miss. Non per i requisiti fisici che rientrano nello standard. È la verve che colpisce. (…) Per non farsi mancare nulla, la signorina Arena si dice dichiaratamente sfidanzata (“l’ho lasciato prima, per non farlo dopo”)» (Marisa Fumagalli) [Corriere della Sera 29/10/2013].
• Un tatuaggio all’altezza del cuore che recita alcuni versi del XVI Canto dell’Inferno: «Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza». Ha poi spiegato: «Mi ero appena trasferita a Milano per l’università, mi sentivo sola e spaesata. Ho scelto questa frase perché ci dice che ognuno di noi deve andare oltre i propri limiti».
• Di sinistra. «Al liceo ero in prima fila durante le occupazioni, sono stata rappresentante d’istituto. La politica ultimamente mi aveva deluso, ma ora credo in Matteo Renzi» [Dea Verni, Oggi 30/10/2013].