Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  febbraio 25 calendario

• Roma 7 luglio 1984. Calciatore. Centrocampista del Pescara (dal 2016). Per anni alla Roma (2002-2003 e 2004-2009), poi al Liverpool (2009-2010), alla Juventus (2010-2011), al Milan (2011-2012), alla Fiorentina (dal 2012-2015 e allo Sporting Lisbona (2015-2016)). Prima grande popolarità per una “rabona” (il piede che calcia dietro l’altra gamba che fa da stampella) con la quale l’11 novembre 2006 a San Siro contro il Milan mandò in gol Francesco Totti. Quattro giorni dopo l’esordio in Nazionale (a Bergamo contro la Turchia nell’amichevole in ricordo dello scomparso Giacinto Facchetti).
• «Ero una mezzala, Luciano Spalletti mi ha trasformato in mediano».
• «C’era una volta la Roma di Totti; poi c’è stata la Roma di Totti e Daniele De Rossi; ora c’è la Roma di Totti, De Rossi e di Aquilani. La Roma dei romani. Simboli della squadra e orgoglio dei tifosi. Tre ultrà in campo. Tre che giocano sempre/anche per la maglia. Tre che non te li sapresti proprio immaginare con una maglia diversa» (Mimmo Ferretti).
• «Ero andato allo Sporting con l’obiettivo di vincere il campionato. Ne ero convinto. Annata straordinaria e record di punti, ma siamo arrivati incredibilmente secondi, a due punti dal Benfica. Una bella esperienza in un grande club, forse sottostimato a livello europeo. Invece ho trovato una organizzazione perfetta: in Portogallo non esistono solo Porto e Benfica» (ad Alessandro Russo).
• Soprannominato il «principino».
• Sposato con l’attrice Michela Quattrociocche, hanno due bambine, Aurora (2011) e Diamante (2014).