Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Roma 8 ottobre 1945. Imprenditore. A capo del Gruppo Angelini fondato da suo nonno. «Il signor Tachipirina, l’uomo che in Italia, unico Paese al mondo, è riuscito a sconfiggere il primato dell’aspirina. E questo è solo l’inizio. Anche il Moment, leader indiscusso sul mercato nazionale nella battaglia contro il mal di testa, fa parte della sua scuderia. Come l’Acutil, per tenere sveglio il cervello dei figli prossimi all’esame di maturità, o il Tantum, che tra un gargarismo e l’altro disinfetta la gola. La sua fortuna partì da un nonno, Francesco anche lui, che avviò nella prima metà del secolo il commercio dei prodotti farmaceutici; proseguì con un padre, Igino, che subito dopo la seconda guerra mondiale allargò il business alla produzione industriale; ed infine è approdata a lui, inquieto nipote, che ha trovato il definitivo successo entrando nei modi e nei tempi giusti in una joint venture al 50 per cento con la Procter&Gamble in quella sorta di Eldorado che è il mondo dei pannolini e degli assorbenti» (Giuseppe Meroni). 

• Ultimo affare, nel 2011: ha comperato un sapone detergente, Infasil, che da solo vale cinquanta milioni di fatturato. 
• «Come molti primogeniti non ho avuto vita facile. Mio padre considerava la cosa più naturale del mondo pianificare tutta la mia vita. Ed era ansioso che facessi tutto in fretta. Così mi fidanzai a 19 anni; prima dei 23 anni ero laureato, e nel frattempo, a 22, mi ero anche sposato. Non è un bel modo di crescere. Ti trovi così in un’età per la quale non sai ancora nulla, sei nella condizione di non avere imparato». 
• Divorziato, padre di tre figlie (Maria Francesca, Gioella e Thea). 
• Famoso alle cronache anche per il tentativo fallito di comperare la Roma nel 2009. 
• È uno dei più apprezzati giocatori di bridge in Italia.