Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Roma 27 aprile 1968. Attore. Regista. Secondogenito di Giuliano Amato. «Un po’ di popolarità l’ho avuta con I ragazzi del muretto. Alla posta e al supermercato mi fermavano».
• Nel 2006 direttore artistico del Teatro Municipale di Salerno, chiamato dal sindaco Vincenzo De Luca a coordinare le iniziative per il decennale della riapertura del Teatro Verdi.
• Nel 2007, oltre al debutto da regista lirico con La rondine di Giacomo Puccini, fu il narratore di Aldo Moro, una tragedia italiana, spettacolo teatrale di Corrado Augias e Vladimiro Polchi. Nell’ottobre del 2011, al teatro Vittorio Emanuele di Messina, ha diretto in prima mondiale il primo allestimento scenico integrale del Mameli, di Ruggero Leoncavallo. Nel 2013 ha curato la regia e le luci del Rigoletto in scena al Teatro Verdi.
• «La carriera politica di mio padre è cominciata quando avevo 20 anni e ha pesato dopo. Naturalmente pesa ancora essere figli di “qualcuno”: vuol dire essere giudicati due volte, come figli e per le proprie capacità» (ad Alain Elkann).