Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

• Catania 5 dicembre 1953. Mafioso (clan Santapaola). Capo provinciale di Cosa Nostra a Catania. Detenuto al 41 bis. Arrestato nel novembre 2010 nel corso dell’“Operazione Iblis”, che ha accertato l’«allarmante capacità» del clan «di infiltrazione nel settore delle attività economiche e della gestione della cosa pubblica» (relazione Dna 2013). Nella stessa operazione, infatti, veniva arrestato, tra gli altri, Fausto Fagone, sindaco di Palagonia e deputato dell’Assemblea regionale siciliana, che, secondo le accuse, piegava l’attività della pubblica amministrazione agli interessi mafiosi, attraverso la gestione dei pubblici appalti. Il processo si è chiuso il primo grado il 9 maggio 2014 con la condanna di Aiello a 22 anni di reclusione (12 anni per Fagone). Dall’operazione Iblis è nato anche il processo nei confronti dell’ex governatore siciliano fondatore del Mpa, Raffaele Lombardo e suo fratello Angelo, ex parlamentare nazionale Mpa, che si sarebbero accordati coi mafiosi per avere i loro voti. Oltre a vari pentiti, lo confermerebbe lo stesso Aiello nel corso di una telefonata intercettata dagli inquirenti: «Ma scusa, ma allora questi voti perché glieli abbiamo dati?» (Raffaele Lombardo è stato già giudicato in primo grado con rito abbreviato e condannato per concorso esterno in associazione mafiosa a sei anni e otto mesi il 18 febbraio 2014, mentre per il fratello il processo è ancora in corso). (a cura di Paola Bellone).