Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2015  gennaio 31 calendario

In Italia

Il Presidente f.f. Pietro Grasso
Il Presidente del Senato è Pietro Grasso
Il Presidente della Camera è Laura Boldrini
Il Presidente del Consiglio è Matteo Renzi
Il Ministro dell’ Interno è Angelino Alfano
Il Ministro degli Affari Esteri è Paolo Gentiloni
Il Ministro della Giustizia è Andrea Orlando
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Pier Carlo Padoan
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Stefania Giannini
Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Giuliano Poletti
Il Ministro della Difesa è Roberta Pinotti
Il Ministro dello Sviluppo economico è Federica Guidi
Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali è Maurizio Martina
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Maurizio Lupi
Il Ministro della Salute è Beatrice Lorenzin
Il Ministro di Beni e attività culturali e turismo è Dario Franceschini
Il Ministro dell’ Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare è Gian Luca Galletti
Il Ministro per l Semplificazione e la Pubblica Amministrazione è Marianna Madia (senza portafoglio)
Il Ministro per le Riforme Costituzionali e i rapporti con il Parlamento è Maria Elena Boschi (senza portafoglio)
Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco
Il Presidente della Fiat è John Elkann
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne
Il Segretario Generale del Partito Marxista-Leninista (PMLI) è Giovanni Scuderi
Il Presidente della Federazione dei Verdi è Angelo Bonelli
Il Segretario Nazionale dell’ Italia dei Valori è Ignazio Messina
Il Presidente del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Manuela Palermi
Il Segretario Nazionale del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Cesare Procaccini
Il Presidente dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Gianpiero D’Alia
Il Segretario Nazionale dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Lorenzo Cesa
Il Segretario Nazionale della Rinascita Popolare-Rifondazione DC è Publio Fiori
Il Segretario Nazionale del Partito Democratico (PD) è Matteo Renzi
Il Portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori è Marco Ferrando
Il Presidente dell’ Alleanza per l’Italia (Api) è Francesco Rutelli
Il Presidente Nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) è Nichi Vendola
Il Presidente della Democrazia Cristiana Unificata è Carlo Senaldi
Il Segretario Politico Nazionale della Democrazia Cristiana Unificata è Angelo Sandri
Il Segretario Generale del Partito Comunista è Marco Rizzo

Nel mondo

Il Papa è Francesco I
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Barack Obama
Il Presidente del Federal Reserve System è Janet Yellen
Il Presidente della BCE è Mario Draghi
Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Xi Jinping
Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Xi Jinping
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è David Cameron
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è François Hollande
Il Primo Ministro della Repubblica francese è Manuel Valls
Il Re di Spagna è Felipe VI di Borbone
Il Presidente del Governo di Spagna è Mariano Rajoy Brey
Il Presidente dell’ Egitto è Abd al-Fattah al-Sisi
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Primo Ministro della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Damodardas Narendra Modi
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Hassan Rohani

Nessuno dubita che stamattina Sergio Mattarella, 74 anni, prima avvocato, poi uomo politico e ministro, adesso giudice della Corte costituzionale, sarà eletto presidente della Repubblica.

Sicuro?
L’idea che sotto-sotto un numero esagerato di franchi tiratori trasformi l’odiato Renzi da trionfatore anche di questa partita in perdente sembra talmente inverosimile (e suicida per il Pd) da esser presa in considerazione solo per scaramanzia. Si strologa su certi dettagli, per esempio il calo nel numero delle schede bianche (passate dalle 538 del primo gionro alle 531 del secondo voto alle 513 di ieri pomeriggio) oppure quel numero piuttosto consistente di schede disperse, oscillanti tra le 140 e le 150. Qualcuno che la sa troppo lunga ipotizza che l’ala sinistra del Pd, di nascosto, saboti il piano del segretario, ma d’altra parte ci sarebbero tanti alfaniani (si dice) pronti a votare per Mattarella e anche tra i fittiani la voglia di appoggiare un cattolico ex democristiano – come tanti di loro - sarebbe forte. Quindi, le disubbidienze di questi e di quelli potrebbero neutralizzarsi a vicenda. E d’altra parte Renzi avrebbe passato gli ultimi due giorni a telefonare e persuadere, e nell’appello rivolto a tutti ancora ieri ha insistito sul fatto che il presidente Mattarella apparterrà a tutti. Resta il problema Berlusconi, fino a ieri sera persuaso tra mille dubbi a non presentarsi nemmeno in aula (cioè a non  rispondere alla chiama) e ieri sera riunito ancora con i suoi per discutere su questa scelta secondo molti troppo estrema, una scelta che lo isolerebbe e renderebbe più difficile la ripresa di un dialogo con Renzi. Come Renzi sa molto bene, è più l’ex Cavaliere ad avere bisogno del segretario-premier che non il contrario.  

Intanto si tratta di capire come mai, per la sua partita, Matteo Renzi abbia deciso di giocare proprio la carta Mattarella.
Al momento del voto in Senato sull’Italicum il premier-segretario aveva messo all’angolo la sua minoranza interna, i bersaniani, i dalemiani, gli amici di Rosy Bindi, quelli che dicono che nel Paese c’è una grande domanda di sinistra, cioè i paravendoliani. Nessuna concessione, respinto ogni emendamento proveniente dall’ala sinistra del partito, forzata approvazione degli emendamenti Esposito e Finocchiaro e definitiva approvazione della legge grazie al triplo supporto, qualche volta indispensabile, di Forza Italia. Non si contano le bordate sparate allora contro il Patto del Nazareno, cioè l’accordo di un anno fra tra Renzi e Berlusconi per l’approvazione delle riforme. Lo stesso Berlusconi s’era imprudentemente vantato di essere diventato indispensabile alla maggioranza, incapace ormai, per le divisioni interne dei democratici, di andare avanti da sé. La risposta è venuta dall’elezione per il Quirinale. Renzi – che ha sempre creduto nell’unità del Pd e ha scoraggiato le tentazione centrifughe quando si sono manifestate - aveva bisogno di mandare un segnale dall’altra parte, cioè un segnale di sinistra. Che cosa c’è di più a sinistra e di meno berlusconiano che un cattolico di sinistra? E che dire del fatto che questo cattolico è pure un esponente di primo piano dell’odiata (da Berl) corporazione della magistratura? Perché per ricompattare bene a sinistra bisognava che il nome prescelto desse il mal di stomaco all’ex Cavaliere, come è puntualmente avvenuto. Mattarella, ricordiamolo ancora una volta, si dimise all’epoca della legge Mammì sul riordino del sistema televisivo perché quella legge gli era parsa troppo amica di Arcore.  

Ma perché non scegliere un altro dei nomi che hanno circolato alla vigilia?
Una candidatura troppo renziana sarebbe di sicuro stata punita nel segreto dell’urna (i nemici democratici di Renzi non aspettavano altro). Quindi niente Fassino, niente Finocchiaro, niente Delrio. Amato avrebbe fatto ombra al premier sul piano internazionale. Veltroni ha troppo fascino comunicativo e il segretario-premier vuol essere il solo a comunicare. Prodi è finito tra le candidatute grilline, ed è poi troppo forte: Renzi vuole al Quirinale qualcuno che lo lasci procedere sulla sua strada, una figura mite.  

Mattarella è mite?
Mah. Mattarella, le dico la verità, è un mistero. Assicurano che dentro il suo grigiore abiti un’anima di ferro. Suoi colleghi della Corte costituzionale, se interrogati, si stringono nelle spalle: «È talmente grigio che non si riesce nemmeno a parlarne male». La mafia gli ha ammazzato il fratello Piersanti e fu lui a stringerlo tra le braccia mentre agonizzava e a macchiarsi il maglione di sangue. Raccontano di questa sua vita modesta, nascosta, specie da quando è rimasto vedovo: abita nella foresteria delle Consulta, appena cinquanta metri quadri, per lavorare si limita ad attraversare la strada.  

Lo ha fatto anche ieri?
No. Da qualche giorno è completamente sparito.   (leggi)

Dai giornali