Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2014  ottobre 10 calendario

In Italia

Il Presidente della Repubblica è Giorgio Napolitano
Il Presidente del Senato è Pietro Grasso
Il Presidente della Camera è Laura Boldrini
Il Presidente del Consiglio è Matteo Renzi
Il Ministro dell’ Interno è Angelino Alfano
Il Ministro degli Affari Esteri è Federica Mogherini
Il Ministro della Giustizia è Andrea Orlando
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Pier Carlo Padoan
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Stefania Giannini
Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Giuliano Poletti
Il Ministro della Difesa è Roberta Pinotti
Il Ministro dello Sviluppo economico è Federica Guidi
Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali è Maurizio Martina
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Maurizio Lupi
Il Ministro della Salute è Beatrice Lorenzin
Il Ministro di Beni e attività culturali e turismo è Dario Franceschini
Il Ministro dell’ Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare è Gian Luca Galletti
Il Ministro degli Affari regionali è Maria Carmela Lanzetta (senza portafoglio)
Il Ministro per l Semplificazione e la Pubblica Amministrazione è Marianna Madia (senza portafoglio)
Il Ministro per le Riforme Costituzionali e i rapporti con il Parlamento è Maria Elena Boschi (senza portafoglio)
Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco
Il Presidente della Fiat è John Elkann
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne
Il Segretario Generale del Partito Marxista-Leninista (PMLI) è Giovanni Scuderi
Il Presidente della Federazione dei Verdi è Angelo Bonelli
Il Segretario Nazionale dell’ Italia dei Valori è Ignazio Messina
Il Presidente del Partito dei Comunisti Italiani (PdCI) è Antonino Cuffaro
Il Segretario Nazionale del Partito dei Comunisti Italiani (PdCI) è Cesare Procaccini
Il Presidente dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Gianpiero D’Alia
Il Segretario Nazionale dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Lorenzo Cesa
Il Segretario Nazionale della Rinascita Popolare-Rifondazione DC è Publio Fiori
Il Segretario Nazionale del Partito Democratico (PD) è Matteo Renzi
Il Portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori è Marco Ferrando
Il Presidente dell’ Alleanza per l’Italia (Api) è Francesco Rutelli
Il Presidente Nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) è Nichi Vendola
Il Presidente della Democrazia Cristiana Unificata è Carlo Senaldi
Il Segretario Politico Nazionale della Democrazia Cristiana Unificata è Angelo Sandri
Il Segretario Generale del Partito Comunista è Marco Rizzo

Nel mondo

Il Papa è Francesco I
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Barack Obama
Il Presidente del Federal Reserve System è Janet Yellen
Il Presidente della BCE è Mario Draghi
Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Xi Jinping
Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Xi Jinping
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è David Cameron
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è François Hollande
Il Primo Ministro della Repubblica francese è Manuel Valls
Il Re di Spagna è Felipe VI di Borbone
Il Presidente del Governo di Spagna è Mariano Rajoy Brey
Il Presidente dell’ Egitto è Abd al-Fattah al-Sisi
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Primo Ministro della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Damodardas Narendra Modi
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Hassan Rohani

Le speranze che l’infermiera spagnola contagiata da Ebola si salvi sono molto poche. Lo stato della paziente, che ancora l’altra mattina è stata capace di rispondere a una telefonata del Pais e di spiegare che forse s’era infettata sfiorandosi il viso con una mano, s’è aggravato. Yolanda Fuentes, dirigente dell’ospedale Carlos III di Madrid, ha detto: «La situazione clinica di Teresa Romero è in deterioramento». La parola “deterioramento” è impressionante, ma la Fuentes non ha potuto aggiungere altro. «Non posso dire altro perché la paziente non vuole». Il fratello di Teresa, José Ramon Romero Ramos, ha aggiunto: «Non ci sono grandi speranze».

È terribile. Teresa non s’è infettata in Africa ma in Spagna. Mi pare che sia il primo caso in Europa di una persona che si ammala senza essere andata in Liberia o in Guinea.
Ci sono grandi polemiche in Spagna per questo. Le persone morte di Ebola in Spagna finora sono due. Due sacerdoti. Il missionario Manuel Garcia Viejo, 69 anni, deceduto lo scorso 25 settembre, che s’era ammalato in Sierra Leone, e il prete Miguel Pajares, 75 anni, infettato in Liberia e deceduto ad agosto. La Romero, sposata, 44 anni, era stata al capezzale di Viejo e s’era setita male in modo definitivo lunedì notte, intorno all’una. L’ambulanza l’ha portata al pronto soccorso di Alcoron, periferia di Madrid. Si trattava di un’ambulanza convenzionale, dunque senza i dispositivi di protezione che ci vogliono in questi casi. La macchina è stata adoperata ancora nelle dodici ore successive, senza che la si disinfettasse. Lo hanno denunciato, sempre al Pais, conducente e barelliere, isolati, così come sono stati isolati i pazienti e i due medici saliti a bordo dopo la Romero (sette persone in tutto). Uno dei due medici ha scritto una lettera in cui sostiene che le maniche della tuta protettiva erano troppo corte. «Sono rimasto accanto alla Romero per 16 ore e in tutto quel tempo nessuno mi ha avvertito che aveva l’Ebola». C’è stata una manifestazione per chiedere le dimissioni del ministro della Salute Ana Mato. Chiedono le dimissioni del ministro anche i sindacati. Medici e sindacati dicono che è mancata l’organizzazione, non ci sono i protocolli. Il premier Mariano Rajoy ha invitato tutti alla calma, «c’è stato un errore umano, la sorveglianza non è stata rallentata, i protocolli vengono rispettati, non c’è un rischio di un’epidemia di grande portata».  

Temo che qualcosa di simile possa avvenire anche da noi, ieri ho letto che gli ospedali in un anno hanno dovuto pagare a pazienti curati male un miliardo di indennizzi.
Per ora tutto è tranquillo. "Il Messaggero" ieri, unico giornale, ha dato con grande evidenza la notizia di un ortopedico di Emergency proveniente dalla Sierra Leone e messo in osservazione allo Spallanzani. L’uomo non ha però nessuno dei sintomi maledetti, si tratta dunque di una saggia misura prudenziale e preventiva. La Lorenzin è comunque dovuta correre al Senato a riferire. «Il periodo di osservazione del paziente dello Spallanzani (che era entrato in contatto con un collega adesso ricoverato in Germania) terminerà al ventunesimo giorno dal contatto, che è avvenuto il 16 settembre». Il ministro ha aggiunto che in Italia non è stato registrato finora nessun caso. «Esistono attualmente 21 unità di isolamento nelle strutture sanitarie e 12 Usmaf (Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera) che impiegano 448 persone cui sono state fornite specifiche indicazioni nella gestione delle navi e degli aerei in arrivo nel nostro Paese. Le numerose segnalazioni di casi sospetti, dovute anche a un sistema di allerta attivato nel Paese, sono state oggetto di apposite indagini epidemiologiche e tutte hanno avuto esito negativo».  

Qual è il bilancio della malattia a questo punto?
Lo ha fornito la stessa Lorenzin. All’8 ottobre, i casi probabili e confermati riportati all’Oms sono 8.011, 3.877 i decessi a causa del virus, con un tasso di letalità del 46% nei Paesi dell’Africa occidentale. L’epidemia è cominciata a dicembre al confine fra Sierra Leone e Liberia. Thomas Frieden, direttore dei Centri americani per il Controllo e la Prevenzione della Malattia (Cdc) ha detto: «Direi che, in trent’anni di lavoro nella sanità pubblica, l’unica situazione simile a questa è stata quella con l’Aids».  

Sembra che non possiamo fare nulla se non controllare porti e aeroporti, isolare i sospetti e aspettare che passi la tempesta.
I tre presidenti di Guinea, Liberia e Sierra Leone (si chiamano Alpha Conde, Ellen Johnson Sirleaf e Ernest Bai Koroma) ieri erano negli Stati Uniti. Hanno incontrato il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, la direttrice del Fmi Christine Lagarde, il presidente della Banca Mondiale Jim Yong Kim. Chiedono più centri sanitari per il trattamento del virus, strumenti di protezione e soldi per pagare il personale sanitario. Hanno anche bisogno di un aiuto al bilancio dello Stato perché la malattia ha fatto esplodere la spesa sanitaria e contratto le entrate fiscali.  

Di quanto denaro stiamo parlando?
Ban Ki-moon ha detto che bisogna moltiplicare per venti volte le somme stanziate finora.   (leggi)

Dai giornali