Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  febbraio 25 Domenica calendario

In Italia

Il Presidente della Repubblica è Sergio Mattarella
Il Presidente del Senato è Pietro Grasso
Il Presidente della Camera è Laura Boldrini
Il Presidente del Consiglio è Paolo Gentiloni
Il Ministro dell’ Interno è Marco Minniti
Il Ministro degli Affari Esteri è Angelino Alfano
Il Ministro della Giustizia è Andrea Orlando
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Pier Carlo Padoan
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Valeria Fedeli
Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Giuliano Poletti
Il Ministro della Difesa è Roberta Pinotti
Il Ministro dello Sviluppo economico è Carlo Calenda
Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali è Maurizio Martina
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Graziano Delrio
Il Ministro della Salute è Beatrice Lorenzin
Il Ministro di Beni e attività culturali e turismo è Dario Franceschini
Il Ministro dell’ Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare è Gian Luca Galletti
Il Ministro per l Semplificazione e la Pubblica Amministrazione è Marianna Madia (senza portafoglio)
Il Ministro dei Rapporti con il Parlamento è Anna Finocchiaro (senza portafoglio)
Il Ministro dello Sport è Luca Lotti (senza portafoglio)
Il Ministro della Coesione territoriale e Mezzogiorno è Claudio De Vincenti (senza portafoglio)
Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco
Il Presidente della Fiat è John Elkann
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne
Il Segretario Generale del Partito Marxista-Leninista (PMLI) è Giovanni Scuderi
Il Presidente della Federazione dei Verdi è Angelo Bonelli
Il Segretario Nazionale dell’ Italia dei Valori è Ignazio Messina
Il Presidente del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Manuela Palermi
Il Segretario Nazionale del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Cesare Procaccini
Il Presidente dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Gianpiero D’Alia
Il Segretario Nazionale dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Lorenzo Cesa
Il Segretario Nazionale della Rinascita Popolare-Rifondazione DC è Publio Fiori
Il Segretario Nazionale del Partito Democratico (PD) è Matteo Renzi
Il Portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori è Marco Ferrando
Il Presidente dell’ Alleanza per l’Italia (Api) è Francesco Rutelli
Il Presidente Nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) è Nichi Vendola
Il Presidente della Democrazia Cristiana Unificata è Carlo Senaldi
Il Segretario Politico Nazionale della Democrazia Cristiana Unificata è Angelo Sandri
Il Segretario Generale del Partito Comunista è Marco Rizzo

Nel mondo

Il Papa è Francesco I
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Donald Trump
Il Presidente del Federal Reserve System è Janet Yellen
Il Presidente della BCE è Mario Draghi
Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Xi Jinping
Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Xi Jinping
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è Theresa May
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è Emmanuel Macron
Il Primo Ministro della Repubblica francese è Édouard Philippe
Il Re di Spagna è Felipe VI di Borbone
Il Presidente del Governo di Spagna è Mariano Rajoy Brey
Il Presidente dell’ Egitto è Abd al-Fattah al-Sisi
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Primo Ministro della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Damodardas Narendra Modi
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Hassan Rohani

Molte manifestazioni, nessun incidente

Alla fine la contrapposizione fascismo-antifascismo ha più giovato ai fascisti, a un tratto di nuovo alla ribalta in un paese che aveva l’aria di essersi dimenticato del problema.  

Ieri ci sono state un mucchio di manifestazioni antifasciste. Roma, Milano, Palermo, Bologna.
Manifestazioni che volevano impedire a quelli di Forza Nuova o di CasaPound di parlare. Parlare hanno parlato, sia pure nel chiuso degli alberghi e a un numero di militanti molto contenuto. E però non si sono viste folle oceaniche neanche tra i rappresentanti dei centri sociali o degli antagonisti. Se si potesse giudicare con un minimo di freddezza, sarebbero tutti fenomeni da catalogare tra gli eventi politici minori. D’altra parte domenica prossima si vota, e tutte le sensibilità risultano sovreccittate. Anche se nessuno pensa che CasaPound entrerà in Parlamento. Eccessivo anche il raffronto fatto dal ministro Padoan con gli anni Settanta, quando fascisti e comunisti s’ammazzavano tra di loro e imperversavano Brigate rosse e Nar. Il richiamo antifascista, del tutto comprensibile dopo i fatti di Macerata, è servito casomai a ricompattare un po’ di sinistra. A Roma, la Camusso, Bersani e Renzi hanno partecipato allo stesso corteo.  

È sempre così. Per riunire la sinistra ci vuole un oggetto forte «contro» cui schierarsi. Impossibile ottenere lo stesso risultato se ci si vuole mobilitare «per» qualcosa.
Forse quello di Roma con la Camusso e Renzi è stato il corteo più importante. Il Pd e la Cgil avevano disertato la manifestazione antifascista di Macerata, per rispetto verso il sindaco che aveva chiesto, dopo Pamela e la sparatoria di Traini, di non alzare la tensione. Sfilando ieri, al richiamo dell’Anpi, hanno come rimarginato un poco la ferita con i bersanian-dalemiani di Leu.  

Chi c’era al corteo?
Pietro Grasso e la Boldrini. Camusso e il segretario della Cisl, Carmelo Barbagallo, che reggevano lo striscione d’apertura. Nel retro del palco allestito in piazza del Popolo, il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, Matteo Renzi, le ministre Valeria Fedeli (Istruzione) e Roberta Pinotti (Difesa). Con loro anche la collega Anna Finocchiaro, responsabile per i rapporti con il Parlamento e Marianna Madia, ministra per la Pa e la semplificazione. Nelle prime file del corteo hanno sfilato il vicesegretario Pd Maurizio Martina, la presidente della camera Laura Boldrini, Nicola Fratoianni, Susanna Camusso, Nicola Zingaretti, Walter Veltroni, Carlo Smuraglia, Riccardo Magi (+Europa), Andrea Orlando, Pietro Grasso, Roberta Speranza, Pierluigi Bersani (Leu). Bersani ha detto: «Se uno fa il saluto romano e ha quei simboli non può partecipare alle elezioni: bisogna dirlo con chiarezza, chi è fuori dalla Costituzione è fuori». Più o meno nelle stesse ore, a Bologna, Simone Di Stefano, di CasaPound, diceva che il suo movimento riconosce e vuole applicare la Costituzione, però senza negare il fascismo.  

E Salvini?
S’è visto a Milano, in una molto affollata piazza del Duomo. Slogan dominante: «Prima gli italiani». Qui s’è notata l’assenza di Roberto Maroni, sempre più sospettato di voler sostenere un governo Renzi-Berlusconi senza la Lega, facendo magari il ministro se non addirittura il premier. Salvini è stato piuttosto solenne. «Non c’entriamo niente coi fascisti». Poi il capo dei leghisti ha giurato, interpretando la parte di un premier: «Mi impegno e giuro di essere fedele al mio popolo, 60 milioni di italiani, di servirlo con onestà e coraggio, giuro di applicare davvero la Costituzione italiana, da molti ignorata, e giuro di farlo rispettando gli insegnamenti contenuti in questo sacro Vangelo. Io lo giuro, giurate insieme a me? Grazie, andiamo a governare».  

Possibile che non ci siano stati incidenti?
A Roma ci sono stati due cortei, due sit-in e il comizio della Meloni. Non è praticamente successo niente. A Milano, quelli del presidio antifascista (protestavano per l’arrivo in città di Simone Di Stefano, leader di CasaPound) hanno tentato di forzare un cordone di polizia al limitare di largo La Foppa: ne è nato un tafferuglio, durante il quale la polizia ha caricato provocando alcuni contusi. Qualche scaramuccia in mattinata era avvenuta in piazza Cairoli, dove sarebbe venuto a parlare, nel pomeriggio, Simone Di Stefano di CasaPound. C’era preoccupazione a Palermo per via del pestaggio a cui quelli dei centri sociali avevano sottoposto, nei giorni scorsi, il dirigente di Forza Nuova Massimo Ursino. Oltre tutto stava arrivando Roberto Fiore, che aveva dato appuntamento ai suoi all’Hotel Excelsior. Polizio e carabinieri hanno circondato l’albergo, la città è stata attraversata da due corteo antifascisti, ma non è successo niente. A Bologna, un bello schieramento di blindati ha impedito incursioni: Simone Di Stefano, all’hotel Europa,.  ha parlato senza problemi a un centinaio di militanti.   (leggi)

Dai giornali