Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 11 Lunedì calendario

In Italia

Il Presidente della Repubblica è Sergio Mattarella
Il Presidente del Senato è Pietro Grasso
Il Presidente della Camera è Laura Boldrini
Il Presidente del Consiglio è Paolo Gentiloni
Il Ministro dell’ Interno è Marco Minniti
Il Ministro degli Affari Esteri è Angelino Alfano
Il Ministro della Giustizia è Andrea Orlando
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Pier Carlo Padoan
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Valeria Fedeli
Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Giuliano Poletti
Il Ministro della Difesa è Roberta Pinotti
Il Ministro dello Sviluppo economico è Carlo Calenda
Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali è Maurizio Martina
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Graziano Delrio
Il Ministro della Salute è Beatrice Lorenzin
Il Ministro di Beni e attività culturali e turismo è Dario Franceschini
Il Ministro dell’ Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare è Gian Luca Galletti
Il Ministro per l Semplificazione e la Pubblica Amministrazione è Marianna Madia (senza portafoglio)
Il Ministro dei Rapporti con il Parlamento è Anna Finocchiaro (senza portafoglio)
Il Ministro dello Sport è Luca Lotti (senza portafoglio)
Il Ministro della Coesione territoriale e Mezzogiorno è Claudio De Vincenti (senza portafoglio)
Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco
Il Presidente della Fiat è John Elkann
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne
Il Segretario Generale del Partito Marxista-Leninista (PMLI) è Giovanni Scuderi
Il Presidente della Federazione dei Verdi è Angelo Bonelli
Il Segretario Nazionale dell’ Italia dei Valori è Ignazio Messina
Il Presidente del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Manuela Palermi
Il Segretario Nazionale del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Cesare Procaccini
Il Presidente dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Gianpiero D’Alia
Il Segretario Nazionale dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Lorenzo Cesa
Il Segretario Nazionale della Rinascita Popolare-Rifondazione DC è Publio Fiori
Il Segretario Nazionale del Partito Democratico (PD) è Matteo Renzi
Il Portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori è Marco Ferrando
Il Presidente dell’ Alleanza per l’Italia (Api) è Francesco Rutelli
Il Presidente Nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) è Nichi Vendola
Il Presidente della Democrazia Cristiana Unificata è Carlo Senaldi
Il Segretario Politico Nazionale della Democrazia Cristiana Unificata è Angelo Sandri
Il Segretario Generale del Partito Comunista è Marco Rizzo

Nel mondo

Il Papa è Francesco I
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Donald Trump
Il Presidente del Federal Reserve System è Janet Yellen
Il Presidente della BCE è Mario Draghi
Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Xi Jinping
Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Xi Jinping
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è Theresa May
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è Emmanuel Macron
Il Primo Ministro della Repubblica francese è Édouard Philippe
Il Re di Spagna è Felipe VI di Borbone
Il Presidente del Governo di Spagna è Mariano Rajoy Brey
Il Presidente dell’ Egitto è Abd al-Fattah al-Sisi
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Primo Ministro della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Damodardas Narendra Modi
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Hassan Rohani

La sfida di Salvini a Renzi (e anche a Berlusconi)

A Roma, in una piazza Santi Apostoli blindata, con un sit-in improvvisato dei movimenti per la casa, ieri Matteo Salvini ha riunito alcune migliaia di sostenitori della Lega. Il tema centrale della manifestazione era l’opposizione allo Ius soli, la legge che farebbe diventare italiani circa 800 mila persone nate nel nostro Paese da genitori stranieri. Ma il leader del Carroccio ha colto l’occasione per ribadire i punti centrali del suo programma di governo e per lanciare alcuni messaggi ai suoi alleati e agli avversari.

• E quali sarebbero questi messaggi? 
Prima di tutto ha fatto sapere che «appena si degneranno di rendere noti i collegi, sono pronto a presentarmi in tutti gli stessi collegi in cui si candiderà Matteo Renzi, a partire dalla sua Toscana». Affermazione a cui il segretario del Pd ha risposto prontamente con un tweet: «Grazie! Considero questa scelta utile per chiarire come il nostro centrosinistra e il loro centrodestra hanno due visioni diverse dell’Italia e dell’Europa». Il leghista ha dichiarato poi che, se andrà al governo, come prima cosa «straccerò la legge Fornero, per farla piangere ancora. Poi fisseremo un minimo orario per gli stipendi sotto il quale non si può scendere per legge, 3 euro l’ora, è caporalato, è schiavismo». Prima delle elezioni, ha assicurato Salvini, la Lega esigerà un patto di coalizione: «Chiederò al centrodestra che l’accordo sia firmato prima per non litigare dopo. Patti chiari, amicizia lunga. A questo punto se non siamo capaci di battere Renzi e Di Maio cambiamo mestiere». Dopo settimane di tensioni, ha usato toni distensivi nei confronti di Silvio Berlusconi: «Se il centrodestra vincerà sarà un’avventura che durerà almeno dieci anni, non qualche mese. Berlusconi sarà parte di questa splendida avventura». Ma ai suoi alleati di Forza Italia ha ribadito di essere pronto a fare il premier: «In democrazia vince chi prende un voto in più».

Chi ha più voti al momento tra Lega e Forza Italia?
Berlusconi sembra tornato in gran forma, è euforico, si fa vedere continuamente in giro e in televisione, e il suo partito in effetti è in ascesa: secondo gran parte dei sondaggi è sopra quello di Salvini di circa due punti (16% contro 14% circa). Sommati ai voti di Fratelli d’Italia si arriva intorno al 35-36%. Più del M5S, stimato intorno al 27-28%, e molto più del Pd che al momento è dato sotto al 25%, la soglia che nel 2013 non bastò a Bersani per salire lo scalone di Palazzo Chigi. Renzi si mostra tranquillo, si dice convinto che, grazie al Rosatellum, il Pd potrà giocarsela testa a testa nei singoli collegi di volta in volta con M5S e centrodestra. Ma, a parte numeri e calcoli che lasciano il tempo che trovano, ora il nodo da capire è dove andranno gli alfaniani.


• Perché, che succede agli alfaniani?
Avrà saputo che Angelino Alfano, l’attuale ministro degli Esteri, ha deciso di non ricandidarsi alle prossime elezioni. E così Alternativa popolare, il suo partito, sembra destinata a scindersi. Oggi è prevista la direzione del partito e si capirà meglio. È probabile che la maggioranza, con l’ex ministro Lupi in testa, crei una lista autonoma pronta ad andare al governo con il centrodestra. Di certo con una quarta lista per il centrodestra diventa davvero possibile raggiungere l’obiettivo del 40% su base proporzionale e il 70% nei collegi, condizione necessaria per conquistare la maggioranza assoluta in Parlamento. Eppure su questo punto ieri Salvini è stato molto chiaro: «I profughi di Alfano? Non siamo l’arca di Noè».


• A proposito di profughi, cosa ha detto Salvini ieri?
«Per me gli italiani non sono quelli che hanno la pelle bianca ma anche gli immigrati regolari e per bene che portano contributo alla nostra società». Per il resto niente di nuovo: «La cittadinanza arriva alla fine di un percorso, non è un regalo elettorale. E comunque non può arrivare prima dei 18 anni». E ancora: «Il governo Salvini avrà le porte spalancante per donne e bambini che scappano dalla guerra ma per chi non scappa dalla guerra ma ce la porta a casa nostra, serve un biglietto di sola andata per tornare a casa loro». Infine ha esaltato come una vittoria della Lega il fatto che la legge sullo Ius soli, passata alla Camera e ferma al Senato, non verrà approvata prima della fine della Legislatura.


• È proprio sicuro che la legge sullo Ius soli non passerà?
Beh, sì. Non a caso il Pd ha scelto di inserire il tema in calendario al Senato per ultimo, dopo i ddl sul biotestamento, sugli orfani di femminicidi e sulla deradicalizzazione dello jihadismo. Per farla passare al governo mancano i voti di tutta la destra e del centro, ma anche del M5S che ha chiesto che dell’argomento si occupi direttamente Bruxelles. L’unica strada sarebbe dunque quella di porre la fiducia. Ma si rischierebbe seriamente di far cadere così il governo a pochi giorni dallo scioglimento del Parlamento. Una situazione che il presidente della Repubblica Mattarella ha fatto sapere di non volere. Anche perché dopo le elezioni, Paolo Gentiloni potrebbe dover restare in carica per gli affari correnti per un lungo periodo, nel caso non ci fosse un vincitore netto.

(leggi)

Dai giornali