Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 18 Lunedì calendario

In Italia

Il Presidente della Repubblica è Sergio Mattarella
Il Presidente del Senato è Pietro Grasso
Il Presidente della Camera è Laura Boldrini
Il Presidente del Consiglio è Paolo Gentiloni
Il Ministro dell’ Interno è Marco Minniti
Il Ministro degli Affari Esteri è Angelino Alfano
Il Ministro della Giustizia è Andrea Orlando
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Pier Carlo Padoan
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Valeria Fedeli
Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Giuliano Poletti
Il Ministro della Difesa è Roberta Pinotti
Il Ministro dello Sviluppo economico è Carlo Calenda
Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali è Maurizio Martina
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Graziano Delrio
Il Ministro della Salute è Beatrice Lorenzin
Il Ministro di Beni e attività culturali e turismo è Dario Franceschini
Il Ministro dell’ Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare è Gian Luca Galletti
Il Ministro per l Semplificazione e la Pubblica Amministrazione è Marianna Madia (senza portafoglio)
Il Ministro dei Rapporti con il Parlamento è Anna Finocchiaro (senza portafoglio)
Il Ministro dello Sport è Luca Lotti (senza portafoglio)
Il Ministro della Coesione territoriale e Mezzogiorno è Claudio De Vincenti (senza portafoglio)
Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco
Il Presidente della Fiat è John Elkann
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne
Il Segretario Generale del Partito Marxista-Leninista (PMLI) è Giovanni Scuderi
Il Presidente della Federazione dei Verdi è Angelo Bonelli
Il Segretario Nazionale dell’ Italia dei Valori è Ignazio Messina
Il Presidente del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Manuela Palermi
Il Segretario Nazionale del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Cesare Procaccini
Il Presidente dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Gianpiero D’Alia
Il Segretario Nazionale dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Lorenzo Cesa
Il Segretario Nazionale della Rinascita Popolare-Rifondazione DC è Publio Fiori
Il Segretario Nazionale del Partito Democratico (PD) è Matteo Renzi
Il Portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori è Marco Ferrando
Il Presidente dell’ Alleanza per l’Italia (Api) è Francesco Rutelli
Il Presidente Nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) è Nichi Vendola
Il Presidente della Democrazia Cristiana Unificata è Carlo Senaldi
Il Segretario Politico Nazionale della Democrazia Cristiana Unificata è Angelo Sandri
Il Segretario Generale del Partito Comunista è Marco Rizzo

Nel mondo

Il Papa è Francesco I
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Donald Trump
Il Presidente del Federal Reserve System è Janet Yellen
Il Presidente della BCE è Mario Draghi
Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Xi Jinping
Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Xi Jinping
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è Theresa May
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è Emmanuel Macron
Il Primo Ministro della Repubblica francese è Édouard Philippe
Il Re di Spagna è Felipe VI di Borbone
Il Presidente del Governo di Spagna è Mariano Rajoy Brey
Il Presidente dell’ Egitto è Abd al-Fattah al-Sisi
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Primo Ministro della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Damodardas Narendra Modi
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Hassan Rohani

Il ritorno della bara di Vittorio Emanuele è un modo di chiudere i conti col passato?

Oggi tema storico. I Savoia, le guerre, il fascismo e la memoria del nostro Paese.

• Sono sempre stato scarso in storia. Poi di lunedì mattina… Non possiamo parlare di altro?
Bando alle lamentele. Il fatto è questo: verso le undici di ieri mattina è rientrata in Italia la salma di Vittorio Emanuele III. Era partita da Alessandria d’Egitto a bordo di un volo dell’Aeronautica militare italiana e alla presenza dell’ambasciatore italiano al Cairo Giampaolo Cantini, atterrando all’aeroporto di Cuneo. Le spoglie del penultimo re d’Italia sono state poi trasportate al Santuario di Vicoforte, nel Cuneese. La bara in legno chiaro, avvolta da una bandiera tricolore con lo stemma della casata Savoia, è stata benedetta dal rettore don Meo Bussone. Dentro alla basilica, Vittorio Emanuele III è stato tumulato nella cappella del Duca dove riposa anche la regina Elena, i cui resti sono stati trasferiti dalla Francia venerdì scorso. Le note del «Silenzio» fuori ordinanza sono echeggiate durante il rito che si è svolto in forma privata, provenienti dalla tromba di un caporalmaggiore degli Alpini. Inevitabili, sono presto arrivate le polemiche.


• Mi ricordi brevemente chi era questo re e perché la sua tomba non era in Italia.
Vittorio Emanuele III fu sovrano d’Italia dal 1900 al 1946. Nel suo primo quindicennio di regno sembrò un re equilibrato, poi si dimostrò inadeguato alle sue responsabilità. Attraverso cedimenti e complicità, spalancò le porte all’avvento del regime fascista. Due le grandi colpe che gli vengono imputate: aver firmato le leggi razziali del 1938 volute da Mussolini ed essere scappato da Roma nella notte tra l’8 e il 9 settembre 1943, senza aver dato disposizioni all’esercito, che si ritrovò quindi allo sbando. Nel 1946, quando abdicò in favore del figlio Umberto II, insieme alla regina Elena di Montenegro andò in esilio ad Alessandria d’Egitto, accolto con tutti gli onori dall’amico re Faruk. In Egitto morì, il 28 dicembre del 1947, proprio il giorno dopo la sottoscrizione della Costituzione della Repubblica Italiana, e fu sepolto. La moglie Elena lasciò presto Alessandria per andare in Francia, a Montpellier, dove fino a tre giorni fa si trovava la sua tomba. È stata la nipote di Vittorio Emanuele III, Maria Gabriella, a organizzare la traslazione. Il Quirinale ha dato il suo assenso purché la cosa avvenisse senza celebrazioni, in tono discreto. Eppure non tutti gli eredi Savoia hanno accolto bene la cosa. 


• Perché?
I Savoia sono una famiglia parecchio litigiosa. C’è una disputa dinastica che oppone Amedeo di Savoia a Vittorio Emanuele IV. Quest’ultimo, sposando Marina Doria senza il consenso del padre, ha violato le regole di successione della casata o ex casata. La sorella Maria Gabriella ha sostenuto le pretese di Amedeo d’Aosta che si considera il vero erede al trono virtuale d’Italia. Comunque Emanuele Filiberto, il figlio di Vittorio Emanuele IV si è detto «sorpreso per la segretezza dell’operazione, non capisco questa specie di vergogna di riportare in Italia un ex re e un’amata regina. La nostra battaglia è sempre stata quella di far tornare le salme degli ex re nell’unico luogo deputato alla loro sepoltura, il Pantheon a Roma. Non in una tomba qualsiasi in Piemonte».


• Che c’entra il Pantheon?
Il Pantheon conserva le tombe dei due primi re d’Italia, Vittorio Emanuele II e suo figlio Umberto I, e della Regina Margherita, moglie di Umberto. In realtà, il Pantheon doveva essere una location provvisoria in attesa che fosse completato il Vittoriano, che avrebbe dovuto ospitare i Re d’Italia. Comunque la gran parte dei Savoia, venti per l’esattezza, sono sepolti nella basilica di Superga, che sorge sull’omonimo colle a nord-est di Torino e fu fatta costruire dal re Vittorio Amedeo II come ringraziamento alla Vergine Maria, dopo aver sconfitto i francesi che assediavano Torino nel 1706. Al Santuario di Vicoforte, dove riposano ora anche Vittorio Emanuele III e la regina Elena, finora si trovava solo il corpo di Carlo Emanuele. Altri Savoia sono sepolti in varie località d’Italia e all’estero.


• Ma è giusto che tutti i re, buoni e cattivi, riposino in Italia?
Ieri le comunità ebraiche d’Italia hanno definito la vicenda della salma di Vittorio Emanuele III «un fatto inquietante», parlando «di rimozione della memoria», soprattutto alla vigilia degli 80 anni dalla firma delle leggi razziali. Eppure mi sembra che bene abbia fatto il presidente Mattarella a dare il consenso a questo ritorno silenzioso. Avrebbe creato di certo più clamore un rifiuto. È sintomatico che oggi, al di là delle evidenti ragioni della comunità ebraica, il ritorno delle spoglie di un re non abbiano turbato nessuno. Ricorderà il putiferio nel 2002, quando fu abrogata la norma transitoria della Costituzione sull’esilio dei reali. Non so se adesso siamo più distratti o semplicemente in questi quindici anni abbiamo compiuto qualche piccolo passo verso una memoria condivisa. E non si tratta di certo di celebrare un re che ha avuto evidenti responsabilità storiche, sia chiaro. Come ha detto lo storico Lucio Villari, «la storia non è vendicatrice, non è giustiziera, ma, per dirla con Benedetto Croce, giustificatrice».
(leggi)

Dai giornali