Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie OK, accetto
 
Domenica 1 ottobre 1922
I padroni d'Italia

Il Re è Vittorio Emanuele III

Il Presidente del Senato è Tommaso Tittoni

Il Presidente della Camera è Enrico De Nicola

Il Presidente del Consiglio è Luigi Facta

Il Ministro degli Interni è Paolino Taddei

Il Ministro degli Esteri è Carlo Schanzer

Il Ministro di Giustizia e affari di culto è Giulio Alessio

Il Ministro delle Finanze è Giovanbattista Bertone

Il Ministro del Tesoro è Giuseppe Paratore

Il Ministro della Guerra è Marcello Soleri

Il Ministro della Marina è Roberto De Vito

Il Ministro dell’ Istruzione pubblica è Antonino Anile

Il Ministro dei Lavori Pubblici è Vincenzo Riccio

Il Ministro dell’ Agricoltura è Giovanni Bertini

Il Ministro di Industria e commercio è Teofilo Rossi

Il Ministro del Lavoro e Previdenza sociale è Arnaldo Dello Sbarba

Il Ministro di Turismo e spettacolo è Giovanni Amendola (senza portafoglio)

Il Ministro della Ricostruzione delle terre liberate è Vito Luciani (senza portafoglio)

Il Direttore generale della Banca d’Italia è Bonaldo Stringher

Il Presidente della Fiat è Giovanni Agnelli

Il Segretario della Fiat è Giovanni Agnelli

L’ Amministratore delegato della Fiat è Guido Fornaca

Il Segretario Politico del Partito Popolare Italiano è Don Luigi Sturzo

Il Segretario del Partito comunista d’Italia, sezione italiana dell’Internazio è Amadeo Bordiga
I padroni del mondo

Il Papa è Pio XI

Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Warren Gamaliel Harding

Il Segretario Generale del Comitato Centrale del PCUS è Josif Stalin

Il Presidente del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Chen Duxiu

Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Chen Duxiu

Il Re del Regno Unito è Giorgio V

Il Premier del Regno Unito è David Lloyd George

Il Presidente del Consiglio dei ministri francese è Raymond Poincaré

Il Presidente della Repubblica francese è Alexandre Millerand

Il Presidente del Reich tedesco è Friedrich Ebert

Il Cancelliere del Reich tedesco è Joseph Wirth

Il Re di Spagna è Alfonso XIII
  • DAI GIORNALI
    DI OGGI
Il XIX Congresso del Partito Socialista
• A Roma nel salone del Teatro del Popolo alle 10 si apre il XIX Congresso del Partito Socialista, con il saluto del segretario Fioritto alla Direzione. I delegati presenti sono circa 200. Un unico argomento del giorno: «Situazione interna del partito e sua attività politica nel Parlamento e nel Paese; appoggio all’indirizzo di governo e partecipazione al potere nell’attuale regime». L’avv. Fioritto dichiara che oggi nessun tentativo unitario può evitare la scissione. Alla seduta pomeridiana, sempre presieduta dall’onorevole Lazzari, imperversa il duello oratorio tra Serrati e Modigliani. La direzione del partito chiede l’espulsione dei destri. Ovazione a Filippo Turati. Nasce un parapiglia, vola qualche pugno e intervengono le Guardie Rosse. [La Stampa 2 ottobre 1922, Cds 3 ottobre 1922]
Arrestato uno dei capi della setta senussita
• A Bengasi il Commissario del Governo cav. Rollini arresta uno dei più importanti capi della setta senussita, Saleh El Iannanim, indicato come mandante dell’assassinio di Mergh. [La Stampa 2 ottobre 1922]
L’ex re Costantino lascia la Grecia
• L’ex re Costantino dà l’addio alla Grecia. Insieme alla regina Sofia, alla principessa Caterina e al principe Nicola si è imbarcato sul piroscafo Patros. Ha dichiarato che forse un giorno ritornerà, ma come privato cittadino. I passaporti del re e della regina sono intestati ai conti Acharne, il nome antico del paesino di Menidis, abitato da albanesi, che nelle elezioni ha manifestato grande fede realista. [La Stampa 2 ottobre 1922, Cds 3 ottobre 1922]
Il discorso dell’on. Amendola
• L’on. Amendola, ministro delle Colonie, dopo aver bevuto un vermouth d’onore nel Municipio di Sala Consilina, pronuncia al Teatro Iris un discorso interrotto da continue ovazioni: «Riconosca ciascuno le responsabilità proprie, e collaborino tutti, in tal modo a ricomporre l’unità morale della borghesia lavoratrice […]». [Cds 3 ottobre 1922]
I fascisti occupano la scuola tedesca
• A Bolzano un migliaio di fascisti con tre autocarri e altri mezzi di locomozione occupa la scuola tedesca nel Palazzo Elisabetta, in via della Cassa di Risparmio. Carabinieri e militari presenti nella zona non sono intervenuti per evitare incidenti. Il Consiglio Comunale di Bolzano, riunitosi nel pomeriggio, ha deliberato di accettare tutti i punti del memoriale fascista. [Cds 3 ottobre 1922]
Il X Congresso di Pediatria a Milano
• A Milano al X Congresso di Pediatria viene discussa la profilassi della tubercolosi. [Cds 3 ottobre 1922]
Cinquantamila lire alle vittime di S. Terenzio
• Il re ha elargito 50.000 lire in favore delle vittime del disastro di S. Terenzio a Spezia. [Cds 3 ottobre 1922]
Muore il conte Giovanni Sforza
• Nella sua villa di Montignoso è morto a 76 anni il conte Giovanni Sforza, padre dell’ambasciatore italiano a Parigi. Era un insigne cultore di studi storici e aveva pubblicato molti volumi tradotti anche all’estero. [Cds 3 ottobre 1922]
Le condizioni per l’armistizio in Tracia
• Da Smirne Franklin Bouillon ha telegrafato al Governo francese le condizioni poste da Mustafà Kemal pascià per un armistizio: la Tracia verrebbe occupata subito dagli Alleati e poi consegnata ai turchi. La risposta dovrà arrivare entro 48 ore per permettere la convocazione di una Conferenza Militare a Mudania. [La Stampa 2 ottobre 1922, Cds 3 ottobre 1922]
I fascisti sammarinesi al governo
• La reggenza del Partito popolare lascia il posto a una compagine governativa filofascista. Squadristi italiani coadiuvati da elementi sammarinesi si scatenano contro gli avversari politici. [Franzinelli1]
Un morto, con rappresaglia, a Torino
• Perde la vita a Torino, durante una sparatoria in corso Principe Oddone tra fascisti e comunisti, lo squadrista Gustavo Doglia: devastata per ritorsione la Casa del popoio di Barriera San Paolo e incendiata la Casa del popolo del Parco Regio. Devastato il circolo operaio di Cornigliano (Ge). Freddato a Pieve Salutare (Fo) il diciassettenne comunista Luigi Grandi. Inseguito dagli squadristi, il ragazzo cerca rifugio nella chiesa, ma è colpito da due pallottole. [Franzinelli1]
Spedizione notturna a Castrocaro
• Ucciso il giovane repubblicano Tonino Orlandi. Devastata nella notte la Lega metallurgica di Savigliano (Cn). Bolzano occupata dalle squadre fasciste. Vinta la resistenza della forza pubblica, le camicie nere di Giunta e Farinacci s’impadroniscono del municipio e delle scuole tecniche tedescofone (intitolate dai fascisti alla regina Elena e destinate ad alunni «italiani»). [Franzinelli1]
Giacomo Matteotti segretario del Psu
• È tra i protagonisti del congresso socialista di Roma che sanziona il distacco della corrente riformista da quella massimalista e la nascita del Partito socialista unitario, del quale è nominato segretario. Lo scelgono perché occorre un uomo nuovo, non compromesso con le vecchie battaglia ma abbastanza rigido da garantire la compattezza del partito. Nel Psu convergono 61 deputati, circa la metà di quelli del Psi. [Romanato 2011]

Mercoledì 18 gennaio 2017
DAI GIORNALI DI OGGI





















thread len: / ads to show: 20 / ads: 20