Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  febbraio 19 Lunedì calendario

In Italia

Il Presidente della Repubblica è Sergio Mattarella
Il Presidente del Senato è Pietro Grasso
Il Presidente della Camera è Laura Boldrini
Il Presidente del Consiglio è Paolo Gentiloni
Il Ministro dell’ Interno è Marco Minniti
Il Ministro degli Affari Esteri è Angelino Alfano
Il Ministro della Giustizia è Andrea Orlando
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Pier Carlo Padoan
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Valeria Fedeli
Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Giuliano Poletti
Il Ministro della Difesa è Roberta Pinotti
Il Ministro dello Sviluppo economico è Carlo Calenda
Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali è Maurizio Martina
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Graziano Delrio
Il Ministro della Salute è Beatrice Lorenzin
Il Ministro di Beni e attività culturali e turismo è Dario Franceschini
Il Ministro dell’ Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare è Gian Luca Galletti
Il Ministro per l Semplificazione e la Pubblica Amministrazione è Marianna Madia (senza portafoglio)
Il Ministro dei Rapporti con il Parlamento è Anna Finocchiaro (senza portafoglio)
Il Ministro dello Sport è Luca Lotti (senza portafoglio)
Il Ministro della Coesione territoriale e Mezzogiorno è Claudio De Vincenti (senza portafoglio)
Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco
Il Presidente della Fiat è John Elkann
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne
Il Segretario Generale del Partito Marxista-Leninista (PMLI) è Giovanni Scuderi
Il Presidente della Federazione dei Verdi è Angelo Bonelli
Il Segretario Nazionale dell’ Italia dei Valori è Ignazio Messina
Il Presidente del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Manuela Palermi
Il Segretario Nazionale del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Cesare Procaccini
Il Presidente dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Gianpiero D’Alia
Il Segretario Nazionale dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Lorenzo Cesa
Il Segretario Nazionale della Rinascita Popolare-Rifondazione DC è Publio Fiori
Il Segretario Nazionale del Partito Democratico (PD) è Matteo Renzi
Il Portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori è Marco Ferrando
Il Presidente dell’ Alleanza per l’Italia (Api) è Francesco Rutelli
Il Presidente Nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) è Nichi Vendola
Il Presidente della Democrazia Cristiana Unificata è Carlo Senaldi
Il Segretario Politico Nazionale della Democrazia Cristiana Unificata è Angelo Sandri
Il Segretario Generale del Partito Comunista è Marco Rizzo

Nel mondo

Il Papa è Francesco I
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Donald Trump
Il Presidente del Federal Reserve System è Janet Yellen
Il Presidente della BCE è Mario Draghi
Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Xi Jinping
Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Xi Jinping
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è Theresa May
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è Emmanuel Macron
Il Primo Ministro della Repubblica francese è Édouard Philippe
Il Re di Spagna è Felipe VI di Borbone
Il Presidente del Governo di Spagna è Mariano Rajoy Brey
Il Presidente dell’ Egitto è Abd al-Fattah al-Sisi
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Primo Ministro della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Damodardas Narendra Modi
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Hassan Rohani

Il figlio di De Luca costretto a dimettersi da assessore per uno scoop di Fanpage

Una videoinchiesta di Fanpage.it sullo smaltimento dei rifiuti in Campania si è trasformata in un caso che domina a questo punto la campagna elettorale, con violento scambio di accuse tra Renzi e Di Maio. Ieri Roberto De Luca, assessore al Bilancio al comune di Salerno in quota Pd e soprattutto figlio del presidente della regione Campania Vincenzo De Luca, si è dimesso dal suo incarico perché indagato per corruzione.  

Sentiamo prima di tutto la storia dei rifiuti.
Tutto parte da un ex camorrista con esperienza nel traffico dei rifiuti e collaboratore di giustizia di nome Nunzio Perrella. Da poco tornato libero, questo Perrella dice di aver proposto allo Stato di infiltrarsi di nuovo nell’ambiente camorristico per smascherare il sistema delle mazzette ai politici negli appalti, senza però ottenere alcuna risposta. Per questo avrebbe contattato Fanpage.it con cui ha realizzato ore e ore di riprese, molte con telecamera nascosta, che in effetti documentano il malaffare in un’inchiesta chiamata Bloody Money, che il sito sta pubblicando a puntate. Nella seconda puntata, intitolata Nel nome del figlio
si vede un incontro tra l’assessore di Salerno Roberto De Luca e l’ex camorrista Perrella, che finge di proporre la propria azienda per lo smaltimento all’estero di ecoballe, ovvero quei grossi cilindri in cui si compattano i rifiuti solidi urbani, eliminando le parti non combustibili e le materie organiche. In questo incontro, nello studio di De Luca Jr, non si parla mai di tangenti. Perrella però ne discute in un secondo momento, con Colletta, un ex candidato con il centrodestra alle elezioni comunali di Angri (Salerno). Colletta viene presentato a Perrella come «socio in affari di Roberto De Luca», e dal video sembrerebbe alludere al fatto che nella tangente, «tra il 10 e il 15%», è compresa una parte per Roberto De Luca. Fanpage sottolinea come il ruolo di assessore al Bilancio non dia nessun titolo a De Luca per discutere di appalti pubblici nel settore dei rifiuti. In ogni caso, la procura di Napoli ha aperto un fascicolo su De Luca, e gli ha perquisito casa e ufficio. È indagato per corruzione anche il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Luciano Passariello, in corsa alla Camera il prossimo 4 marzo.  

E lo scambio di accuse tra M5s e Pd?
Di Maio ha cavalcato la vicenda, forse anche per distogliere l’attenzione dal caso dei rimborsi che riguarda i parlamentari grillini, e ha definito gli indagati «rifiuti della politica» e «assassini della mia gente». Renzi ha replicato a muso duro: «Spero che De Luca quereli Di Maio che gli ha dato dell’assassino e spero che Di Maio rinunci all’immunità parlamentare, se è un uomo». A rendere ancora più calda la vicenda, ieri una cronista di Fanpage, Gaia Bozza, è stata aggredita e allontanata mentre cercava di porre delle domande a Roberto De Luca. A tutto questo si aggiunge il fatto che Roberto De Luca ha un fratello, Piero, candidato alla Camera con il Pd. Piero De Luca non è coinvolto in nessun modo in questa inchiesta, ma la vicenda è facilmente presa a pretesto dagli avversari politici per rinfacciare un uso familistico del potere da parte del governatore campano, che piazza un figlio come assessore nella città di cui è stato sindaco per tanti anni e l’altro nelle liste elettorali in Campania. Vincenzo De Luca, con i soliti toni coloriti alla Crozza, ha definito l’inchiesta «oltre ogni decenza» e «oltre ogni vergogna», per aver usato «camorristi trafficanti di cocaina». Va segnalato che in questa storia sono finiti nei guai anche l’ex camorrista Perrella e Fanpage. Ai magistrati non è piaciuto affatto che la redazione si sia mossa in modo indipendente e parla di «dispersione probatoria». L’inchiesta pubblicata da Fanpage, insomma, potrebbe «pregiudicare gravemente le investigazioni sulle gravi ipotesi delittuose».   

Sbaglio o questo Fanpage non è nuovo a inchieste su politiche e malaffare?
Fanpage.it è un giornale online con sede a Napoli, fa parte del gruppo editoriale Ciaopeople Media Group ed è diretto da Francesco Piccinini. In passato ha realizzato diverse inchieste che hanno fatto notizia, come quelle sull’elicottero che ha sorvolato il funerale del boss dei Casamonica a Roma, sulla discarica tossica di Caserta, sui depositi di rifiuti nucleari a Brescia. Nel marzo 2016 proprio quelli di Fanpage filmarono una presunta compravendita di voti a favore di Valeria Valente, vincitrice delle primarie del Pd per le amministrative napoletane. All’epoca lo sconfitto, Bassolino, fece ricorso inutilmente per annullare il risultato del voto. Noi scrivemmo che il filmato aveva l’aria di essere stato montato.  

Questo è giornalismo? Oppure no?
È un fatto che due grandi scoop di questa campagna elettorale arrivano da videoinchieste realizzate da gente che non ha niente a che fare col nostri Ordine professionale. Questa sui rifiuti e quella delle Iene sulla Rimborsopoli grillina. È un tipo d’informazione d’assalto, che la nostra stampa ha messo da parte forse da troppo tempo. Non si è giornalisti perché si gira con una tessera professionale in tasca, ma perché si battono le strade alla ricerca di notizie, possibilmente ignote alla concorrenza. Lei sa già che io considero l’Ordine professionale, gli esami e tutto il falansterio delle procedure che dànno accesso alla professione come orpelli controproducenti. Si fa giornalismo... facendo giornalismo. La denuncia, magari nascondendo una telecamera e sorprendendo la buona fede di qualcuno, non è forse condizione sufficiente a fare di un giornale un buon giornale. Ma condizione necessaria, sì. (leggi)

Dai giornali