Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  luglio 20 Venerdì calendario

In Italia

Il Presidente della Repubblica è Sergio Mattarella
Il Presidente del Senato è Maria Elisabetta Alberti Casellati
Il Presidente della Camera è Roberto Fico
Il Presidente del Consiglio è Giuseppe Conte
Il Ministro dell’ Interno è Matteo Salvini
Il Ministro degli Affari Esteri è Enzo Moavero Milanesi
Il Ministro del Lavoro, Welfare e sviluppo è Luigi Di Maio
Il Ministro della Giustizia è Alfonso Bonafede
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Giovanni Tria
Il Ministro delle Politiche comunitarie è Paolo Savona
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Marco Bussetti
Il Ministro della Difesa è Elisabetta Trenta
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Danilo Toninelli
Il Ministro della Salute è Giulia Grillo
Il Ministro per la Famiglia e disabilità è Lorenzo Fontana
Il Ministro per il Sud è Barbara Lezzi
Il Ministro degli Affari Regionali e Autonomie è Erika Stefani
Il Ministro di Beni e attività culturali e turismo è Alberto Bonisoli
Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali è Gian Marco Centinaio
Il Ministro dell’ Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare è Sergio Costa
Il Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione è Giulia Bongiorno
Il Ministro dei Rapporti con il Parlamento è Riccardo Fraccaro
Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco
Il Presidente della Fiat è John Elkann
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne

Nel mondo

Il Papa è Francesco I
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Donald Trump
Il Presidente del Federal Reserve System è Jerome Powell
Il Presidente della BCE è Mario Draghi
Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Xi Jinping
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è Theresa May
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è Emmanuel Macron
Il Primo Ministro della Repubblica francese è Édouard Philippe
Il Re di Spagna è Felipe VI di Borbone
Il Presidente del Governo di Spagna è Pedro Sanchez
Il Presidente dell’ Egitto è Abd al-Fattah al-Sisi
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Damodardas Narendra Modi
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Hassan Rohani

Marchionne sta male. Salvini querela Saviano. Nibali travolto si ritira dal Tour

Marchionne ha problemi di salute, Fca non parla
Sergio Marchionne sta male, è ancora convalescente e rischia di saltare la presentazione dei risultati semestrali di Fca fissata per mercoledì prossimo. L’operazione chirurgica a cui è stato sottoposto lo scorso 5 luglio in una clinica svizzera – dalla Fca hanno parlato vagamente di un intervento alla spalla destra – ha infatti un decorso più lungo di quello ipotizzato in un primo momento. L’ultima uscita pubblica di Marchionne è del 26 giugno. Il suo addio alla guida di Fca è previsto per l’aprile 2019. I nomi più accreditati per la successione sono quelli di Alfredo Altavilla, di Richard Palmer e di Michael Manley, capo di Jeep
«L’eventuale e probabile assenza di Marchionne a un appuntamento in cui la sua presenza è solitamente data per scontata, pone così un problema molto serio di comunicazione ai mercati: Marchionne ha un ruolo apicale in quattro aziende quotate, tre a New York e una in Svizzera. Al Lingotto tutte le bocche sono cucite» [Cafasso, Lettera43].

Salvini ha querelato Saviano
Salvini ha querelato Saviano, giustificando la mossa - inusuale per un politico e per un ministro - con questo tweet: «Accetto ogni critica, ma non permetto a nessuno di dire che io aiuto la mafia, una merda che combatto con tutte le mie forze, o di dire che sono felice se muore un bambino. Quando è troppo, è troppo». Sia il Corriere che Repubblica (indignata perché il querelato «è conosciuto in tutto il mondo per il suo impegno civile contro la criminalità organizzata») sono impressionati dal fatto che le quattro pagine della querela siano scritte su carta intestata del Viminale. Saviano ha twittato a sua volta: «Tocca agli uomini di buona volontà prendersi per mano e resistere all’avanzata dell’autoritarismo, anche di quello che, per fare più paura, usa la carta intestata di un ministero, impegnando l’intero governo contro uno scrittore. E sono sicuro che in questo “governo del non cambiamento” nessuno fiaterà, aggrappati come sono tutti al potere. Io non ho paura».

Nibali travolto da una moto si ritira dal Tour
La maglia gialla Geraint Thomas ha conquistato quella che era considerata la tappa regina del Tour de France 2018, con l’arrivo sulla leggendaria Alpe d’Huez. Il corridore del team Sky ha tagliato il traguardo davanti a Dumoulin, Bardet e Froome. Ma l’episodio della giornata è stata la caduta di Vincenzo Nibali: a circa 4 km dal traguardo una moto dell’organizzazione ha buttato a terra l’italiano che stava rispondendo all’attacco di Froome in testa alla corsa e sembrava in grado di competere per conquistare la vittoria. Nel punto dell’incidente c’era molta confusione, come del resto lungo quasi tutti i 21 tornanti della salita finale, e troppa gente in mezzo alla strada. Nel caos totale si è creata una strettoia proprio dove cominciava la parte transennata della corsa, a 4 km dalla fine, e ne ha fatto le spese Nibali che è riuscito ad arrivare settimo  con 13” di ritardo dal primo anche perché, dopo la caduta, i big della corsa tra cui Froome, Thomas e Dumoulin avevano deciso di attenderlo. In serata poi il ciclista siciliano è stato ricoverato e sottoposto a radiografia e i medici hanno riscontrato una sospetta frattura vertebrale che lo ha costretto al ritiro dal Tour.

Per ricevere ANTEPRIMA
via email ogni mattina, clicca qui.

Dai giornali