Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2013  febbraio 27 Mercoledì calendario

In Italia

Il Presidente della Repubblica è Giorgio Napolitano
Il Presidente del Senato è Renato Schifani
Il Presidente della Camera è Gianfranco Fini
Il Presidente del Consiglio è Mario Monti
Il Ministro degli Interni è Anna Maria Cancellieri
Il Ministro degli Esteri è Giulio Terzi di Sant’Agata
Il Ministro della Giustizia è Paola Severino
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Vittorio Grilli
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Francesco Profumo
Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Elsa Fornero
Il Ministro della Difesa è Giampaolo Di Paola
Il Ministro dello Sviluppo economico è Corrado Passera
Il Ministro delle Politiche agricole è Mario Catania
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Corrado Passera
Il Ministro della Salute è Renato Balduzzi
Il Ministro di Beni e Attività culturali è Lorenzo Ornaghi
Il Ministro dell’ Ambiente è Corrado Clini
Il Ministro degli Affari europei è Enzo Moavero Milanesi (senza portafoglio)
Il Ministro di Affari regionali, turismo e sport è Piero Gnudi (senza portafoglio)
Il Ministro della Coesione territoriale è Fabrizio Barca (senza portafoglio)
Il Ministro della Cooperazione internazionale e integrazione è Andrea Riccardi (senza portafoglio)
Il Ministro di Pubblica amministrazione e Semplificazione è Filippo Patroni Griffi (senza portafoglio)
Il Ministro dei Rapporti con il Parlamento è Dino Piero Giarda (senza portafoglio)
Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco
Il Presidente della Fiat è John Elkann
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne
Il Segretario Generale del Partito Marxista-Leninista (PMLI) è Giovanni Scuderi
Il Presidente della Federazione dei Verdi è Angelo Bonelli
Il Presidente dell’ Italia dei Valori è Antonio Di Pietro
Il Presidente del Partito dei Comunisti Italiani (PdCI) è Antonino Cuffaro
Il Segretario Politico della Democrazia Cristiana è Giuseppe Pizza
Il Presidente dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Rocco Buttiglione
Il Segretario Nazionale dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Lorenzo Cesa
Il Segretario Nazionale dei Popolari-UDEUR è Clemente Mastella
Il Segretario Nazionale della Rinascita Popolare-Rifondazione DC è Publio Fiori
Il Segretario Nazionale del Partito Democratico (PD) è Pierluigi Bersani
Il Portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori è Marco Ferrando
Il Presidente dell’ Alleanza per l’Italia (Api) è Francesco Rutelli
Il Presidente Nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) è Nichi Vendola
Il Segretario Generale dei Comunisti Sinistra Popolare-Partito Comunista è Marco Rizzo
Il Presidente della Democrazia Cristiana Unificata è Carlo Senaldi
Il Segretario Politico Nazionale della Democrazia Cristiana Unificata è Angelo Sandri

Nel mondo

Il Papa è Benedetto XVI
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Barack Obama
Il Presidente del Federal Reserve System è Ben Bernanke
Il Presidente della BCE è Mario Draghi
Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Hu Jintao
Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Xi Jinping
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è David Cameron
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è François Hollande
Il Primo Ministro della Repubblica francese è Jean-Marc Ayrault
Il Re di Spagna è Juan Carlos I
Il Presidente del Governo di Spagna è Mariano Rajoy Brey
Il Presidente dell’ Egitto è Muhammad Mursi
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Abdullah Gül
Il Primo Ministro della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Manmohan Singh
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Mahmud Ahmadinejad

      Ieri Grillo ha parlato con i giornalisti, riuniti davanti alla sua casa di Sant’Ilario (Genova).
      Chi le piacerebbe al Quirinale?
      «Dario Fo. È un premio Nobel, è una mente aperta, ha una lucidità fantastica».
      Come vede la grande coalizione Pd-Pdl?
      «Nei prossimi giorni assisteremo a una riedizione del governo Monti con un altro Monti, L’ammucchiata Alfano-Bersani-Casini, come prima delle elezioni. Dureranno 7-8 mesi, non di più. È l’economia che non gli darà scampo, chiudono mille imprese al giorno. Non abbiamo più grandi imprese come a Ivrea, Biella e Alessandria. Questa è una guerra generazionale, siamo un popolo di vecchi».
      Che farà quando Napolitano vorrà parlare con quelli del Movimento 5 Stelle?
      «Andrò io».
      Che proporrà?
      «Il M5S non si allea con nessuno. Lo dirò a Napolitano. Per il resto, devo vedere, sono personaggi che fanno parte della storia».
      Aspetta che crolli tutto?
      «No, è già crollato tutto».

•  Che ha detto Dario Fo?
Non ci sta. «Sono troppo vecchio. È un atto di stima, mi fa piacere, ma ci vogliono forze inaudite, non ho le possibilità fisiche e psichiche». Farà 87 anni il prossimo 24 marzo. Grillo ha detto che, in ogni caso, sceglieranno il loro candidato per il Quirinale attraverso la rete.  

Bersani?
Ha indetto una conferenza stampa assai sofferta. «Non abbiamo vinto anche se siamo arrivati primi. Questa è la nostra delusione. Se non si riesce a garantire la governabilità del paese non si può dire di aver vinto». Poi: «Ci ha battuto la crisi. E c’è stato un rifiuto della politica così come si è presentata in questi anni, di istituzioni inefficienti e di una politica apparsa moralmente non credibile».  

• Farà la grande alleanza con Berlusconi o no?
Berlusconi non sarebbe del tutto contrario (per il momento), ma per ora Bersani ha detto di no. Il suo ragionamento è questo: «Non è l’ora della diplomazia. I punti essenziali sono tre: riforme istituzionali e della politica e dei suoi costi. Legge sui partiti. Moralità pubblica e privata. No, invece, a discorsi a tavolino sulle alleanze. Ognuno, in Parlamento, si deve prendere le sue responsabilità. È certo che il prossimo governo deve essere di cambiamento, anzi di combattimento. Consegneremo al presidente della Repubblica le nostre impressioni, le nostre valutazioni. E alla fine sarà lui a dire chi è in grado di poter fare il governo in questo passaggio difficile. Noi, per parte nostra, ci rivolgeremo al Parlamento. Un governissimo con il Pdl è escluso. Certo, ci confronteremo, ma non penso che atteggiamenti diplomatici corrispondano al cambiamento che dicevo, dobbiamo ribaltare lo schema, non credo che il paese tolleri balletti di diplomazia… Si riposassero». Su Grillo: «È lui che ci deve dire che cosa vuole fare. Attendiamo in ogni caso che il Parlamento si insedi. Lì ci saranno le possibilità istituzionali». Questa frase significa che il Pd è pronto a cedere la presidenza della Camera ai grillini. «Siamo favorevoli alla co-responsabilità. Il Movimento 5 Stelle è primo alla Camera. Ciascuno si prenda le sue responsabilità». Sull’Europa, invece, forse le posizioni sono distanti da quelle del M5S: «Un’Italia che si staccasse dall’Europa sarebbe un disastro. Questa è matematica, non è un’opinione. Certo, altro discorso è se si dice che bisogna chiedere una rivisitazione della politica economica. Lì ci sono le proposte dei progressisti». Ieri, in un quadro mondiale depresso proprio dal risultato delle nostre elezioni, Piazza Affari ha perso il 4,8%, lo spread è arrivato a 340. Bersani ha detto qualcosa anche su Renzi, gli è stato chiesto se col sindaco di Firenze candidato premier il Pd avrebbe potuto ottenere un risultato migliore. Risposta: «Non lo so. Io ho fatto le primarie. Di più non potevo. In ogni caso, il mandato di questa segreteria scade quest’anno e al Congresso deve girare la ruota, l’ho sempre detto. Per il resto, non sono uno che abbandona la nave».  

Berlusconi?
Nella telefonata con Belpietro, ieri mattina in tv, ha aperto alla possibilità del governissimo. S’è lamentato «dei vari Giannino o Casini» che hanno sottratto al centro-destra una vittoria che era a portata di mano. È convinto che, in Senato, Bersani sarà costretto a venire a patti con il Pdl, a cominciare dalla presidenza dell’assemblea, che vorrebbe per i suoi, e dal Quirinale.  

Ha ragione?
Chi sa. Forse no. Grillo non farà inciuci, ma appoggerà le cose che lo convincono. Si intravede un governo Bersani di minoranza (detto in questo momento «di scopo»), che potrebbe durare anche più del previsto. Al momento della fiducia in Senato il Movimento 5 Stelle, per non compromettersi, uscirà dall’aula, mi figuro. Forse per loro sarebbe un errore anche accettare la presidenza della Camera. A Grillo conviene che si concretizzi il monumento alla casta, cioè l’asse Pd-Pdl, al quale fare, generalmente parlando, la guerra. Sistema giovane contro sistema marcio, eccetera. Sulla nuova legge elettorale la fanno tutti troppo facile. (leggi)

Dai giornali