Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  settembre 14 Venerdì calendario

Analcolici, entro il 2025 solo bottiglie riciclabili

Le imprese italiane produttrici di bevande analcoliche, riunite in Assobibe, si impegnano a usare entro il 2025 solo confezioni di plastica in materiale riciclabile. L’asoociazione, che fa capo a Confindustria, si allinea a quanto stabilito dall’Unesda, che a livello europeo riunisce tutte le aziende del comparto: oltre all’utilizzo di bottiglie, tappi e etichette in plastica al 100% riciclabili, il piano sottoscritto dall’associazione prevede che entro il 2025 le bottiglie in Pet dovranno contenere almeno il 25% di plastica riciclata. Anche la raccolta dei contenitori in plastica dovrà essere migliorata, rafforzando la collaborazione con chi si occupa della raccolta dei rifiuti da imballaggi.
«In Italia – ha dichiarato David Dabiankov, direttore generale di Assobibe – l’83,5% degli imballaggi in plastica è già raccolto e recuperato. Le bottiglie in Pet rappresentano il 7,4% di tutta la domanda di imballaggi in plastica in Europa e il 60% di esse vengono raccolte per il riciclo: i nostri imballaggi sono dunque i più raccolti nella Ue, per questo è davvero importante che questi impegni vengano estesi a tutta Europa».
Il programma dell’Unesda si inserisce all’interno della “Strategia europea per la plastica nell’economia circolare” e va di pari passo con la proposta della direttiva sulla riduzione dell’impatto ambientale di alcuni prodotti di plastica.