Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 06 Mercoledì calendario

Trump vuole spostare l’ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme

Telefonando ad Abu Mazen e dicendogli che l’ambasciata degli Stati Uniti in Israele sarà trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme, gli Stati Uniti hanno implicitamente ammesso che la capitale d’Israele è Gerusalemme. La cosa è generalemte giudicata pericolosa e i palestinesi, spinti da Hamas, hanno proclamato tre giorni della collera a partire da oggi.  

È molto tempo che non parliamo di Abu Mazen. Chi è Abu Mazen?
La aospensione temporanea dei massacri del Califfo (non mi illudo) ha reso di nuovo possibili occuparsi del conflitto arabo-israeliana. L’antica Palestina è divisa in tre pezzi. Un pezzo è occupato da Israele, gli altri due pezzi non confinanti tra loro, dai palestinesi. Il primo di questi due pezzi palestinesi è la Striscia di Gaza, dove governano i terroristi di Hamas, giunti al potere dopo una regolare elezione. Il secondo di questi due pezzi palestinesi è la Cisgiordania (il territorio al di qua del fiume Giordano) dove governano il moderati di Al Fatah, il cui capo è Abu Mazen, presidente di questa regione. Ecco chi è Abu Mazen.  

E Gerusalemme?
La mossa di Trump, dagli sbocchi imprevedibili, ha qualche precedente importante. Il più importante è il Jerusalem Embassy Act, votato dal congresso degli Stati Uniti nel 1995, quando alla Casa Bianca c’era Clinton. Questa legge obbliga (e sottolineo: obbliga, essendo presidente il democratico Clinton) il governo americano a trasferire la sede dell’ambasciata americana in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme. L’atto per come è formulato sarebbe vincolante, ma all’interno della stessa legge si ammette che il presidente degli Stati Uniti possa derogare da questo impegno preso dal congresso firmando ogni sei mesi un rinvio dell’attuazione della legge giustificato da ragioni di superiori «interessi di sicurezza». Tutti i presidenti senza eccezioni da allora a oggi hanno firmato il rinvio, e il caso non è esploso.  

Perché Trump no?
Lo ha firmato anche Trump lo scorso giugno. E dovrebbe firmarlo di nuovo alla fine dell’anno. Ma è accaduto che già durante il transition period
il neoinquilino della Casa Bianca abbia nominato nuovo ambasciatore Usa in Israele l’avvocato David Friedman, 72 anni, un ebreo amareicano falco sulla questione palestinese. Friedman, contrariamente alla quasi generalità dei pensanti correttamente, è contrario alla soluzione dei due stati e sostiene che la Palestina deve essere assegnata agli israeliani che governerebbero quindi su ebrei, cristiani e musulmani palestinesi. Friedman è ancora più convinto che la prima mossa per imboccare questa strada sia quella di trasferire la capitale da Tel Aviv a Gerusalemmte. I significati del gesto di Trump sono perciò notevolissimi e annunciano in pratica la volontà di risolvere il problema obbligando i palestinesi a sottomettersi a Israele.  

Reazioni palestinesi?
Il moderato Abu Mazen, come del resto i leader di tutto il mondo (compreso il nostro Angelino Alfano che ieri ha ribadito la linea italiana favorevole ai due stati), ha detto che si tratta di una mossa pericolosa. Abu Mazen, ricevuta la telefonata di Trump, ha anche telefonato a papa Francesco, suppongo per chiedergli di intercedere sul presidente americano. e ha parlato con Putin, il quale non s’è sbilanciato troppo e ha fatto sapere che «Mosca appoggia la ripresa dei colloqui tra Israele e le autorità palestinesi». Gli altri palestinesi, cioè quelli di Hamas, hanno rilasciato dichiarazioni assai bellicose. Ismail Haniyeh, capo dell’organizzazione: «Saranno oltrepassate tutte le linee rosse». Giovedì a Gaza Hamas porterà in piazza decine di migliaia di sostenitori, nel 30esimo anniversario della sua fondazione, mentre lo stesso giorno a Ramallah tutte le fazioni politiche palestinesi marceranno unite per condannare la politica di Trump. Il giorno più delicato potrebbe essere venerdì quando, su iniziativa di Hamas, avrà luogo un’ulteriore giornata di collera, che dovrebbe iniziare al termine delle preghiere islamiche nella Spianata delle Moschee di Gerusalemme. Tutte le forze di sicurezza israeliane sono naturalemte allertate. Trump ha ordinato ai suoi diplomatici di non andare nella zona orientale della città.  

Gerusalemme, in effetti, di chi è?
Gerusalemme è divisa in due da una «linea verde», o Green Line. Nel 1949, alla fine della prima guerra vinta dagli israeliani, si assegnò la parte occidentale della città a Israele, e la parte orientale alla Giordania. Sconfitti gli arabi alla fine della guerra dei Sei giorni (1967), Gerusalemme Est venne occupata militarmente dagli israeliani, in contrasto con l’opinione di quasi tutto il resto del mondo, che considera ancora oggi Gerusalemme Est palestinese, e illegittima l’occupazione militare. Un elemento di complicazione è che i grandi monumenti delle religioni monoteiste (cristianesimo, ebraismo, islam) stanno a Gerusalemme Est. Voglio dire: la Basilica del Santo Sepolcro, il Muro del Pianto, la Spianata delle Moschee. Da qui sarebbe asceso al cielo Maometto, qui c’è il Muro del Pianto dove pregano gli ebrei e la via Dolorosa è quella percorsa da Gesù mentre lo portavano al martirio della Croce. La follia umana ha reso queste coincidenze un pretesto per gli odi reciproci e un infinito spargimento di sangue.