Germania accoglie da sola più «rifugiati» degli altri 27 assieme - Cinquantamila.it

Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 05 Martedì calendario

Germania accoglie da sola più «rifugiati» degli altri 27 assieme

Sull’onda più alta della crisi dei migranti, nel settembre 2015, tra gli stranieri arrivati in terra tedesca non erano pochi quelli che decisero di chiamare “Angela” le figliolette neonate.
Ma al di là degli stereotipi e degli esiti elettorali, la Germania si conferma il campione europeo nell’accoglienza: nei primi sei mesi del 2017 le autorità della Repubblica federale hanno registrato più richieste d’asilo di tutti gli altri 27 paesi della Ue messi insieme. I dati sono di Eurostat: tra gennaio e giugno sono 357 mila state le domande lavorate dalle autorità rispetto alle 199 mila negli altri paesi europei. Quelle accettate sono 182 mila. Giusto per avere un confronto, nello stesso periodo sono stati circa 38 mila i richiedenti asilo che si sono rivolti all’Italia, e di questi poco più di 16 mila hanno avuto una risposta positiva. In Svezia le richieste d’asilo sono state 26 mila con poco meno di 13 mila domande accettate, mentre sono state solo 150 le domande pervenute alle autorità slovene.In Slovacchia il numero si ferma a 60. Secondo Eurostat, dall’aprile 2016 a oggi sono circa 15 mila i profughi che ogni mese chiedono accoglienza alla patria di Goethe e di Thomas Mann. Un caso a parte, ma significativo, è quello dell’“asilo di chiesa”: parrocchie locali spesso concedono rifugio a quei profughi che, secondo gli accordi di Dublino, dovrebbero tornare nei paesi d’origine. Sono 622 gli stranieri accolti in strutture ecclesiali tedesche tra maggio e dicembre 2016.