Senza semafori è meglio? - Cinquantamila.it

Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 01 Venerdì calendario

Senza semafori è meglio?

Il comandante dei vigili Alfredo Marraffino si è accorto che le due piazze intorno alla Stazione Centrale di Napoli avevano beneficiato dell’oscuramento momentaneo dei semafori causato da un cortocircuito. Gli ingorghi più pesanti si erano sciolti in un’allegra tarantella, dove tutte le auto si muovevano magicamente senza toccarsi. Così ha scritto all’assessore per chiedere che quei semafori venissero spenti dalle 7 alle 19. Il verde confonde le idee e il rosso rimane solo un suggerimento, innescando incastri di parafanghi e liti per le precedenze tra vicini di lamiera. Mentre il salomonico giallo lampeggiante diventa un «liberi tutti» che finisce persino per responsabilizzare qualcuno.
Il pragmatismo del comandante infastidirà i puristi, non coloro che hanno rinunciato all’idea che Napoli, e l’Italia in genere, possano trovare la loro fonte ispiratrice in Scandinavia. Un famoso magistrato dichiarò a malincuore, ma non a torto, che il giorno in cui gli italiani si fossero messi di colpo a osservare tutte le regole, il Paese si sarebbe bloccato.
Il cittadino combatte contro la rigidità di troppe burocrazie, tra cui quella semaforica è ancora una delle meno arbitrarie. Presa dalla smania di regolare il traffico, la politica si ostina ad aggiungere nuove regole a quelle vecchie. Il risultato è l’ingorgo esistenziale. In Italia il traffico è meglio lasciarlo scorrere: a regolarsi ci penserà da solo. L’importante, e il difficile, è che dietro l’angolo ci sia un vigile di buon senso.