Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  settembre 13 Mercoledì calendario

Ariani e veline

Gentile Mikaela Neaze Silva, come velina bionda di colore della prossima edizione di Striscia, lei è diventata l’ultimo pretesto di questa ridicola contesa intorno alla purezza della razza meno pura del mondo, quella italiana. Tra i commenti della Rete, ripresi con preoccupazione dai siti giornalistici, c’è chi l’accusa di togliere lavoro alle bionde nostrane (per tacere delle svedesi), chi la considera uno spot a favore dei migranti e chi minaccia lo sciopero del telecomando fino a quando Antonio Ricci non sostituirà «la bionda africana» con una sosia della Cuccarini o almeno della Hunziker, che è confinante.
I suoi oppositori ignorano che tra le tante lingue da lei parlate c’è il dialetto ligure, poiché vive tra Camogli e Genova dall’età di sei anni. Ma vorrei tranquillizzarla. «Il popolo del web» che la disprezza è una esigua minoranza persino tra coloro che commentano sul web. Se dieci cretini scrivessero «Voglio una velina ariana» sulla parete di un gabinetto pubblico, nessuno ci farebbe caso.
Ma, dal momento che adesso possono diffondere il loro verbo con i telefonini, diventano una notizia, il sintomo di una malattia inesistente o comunque sovrastimata. Mi creda, Mikaela: la stragrande maggioranza degli italiani non è razzista. Semplicemente ha altro da fare.