Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie OK, accetto
 
I padroni d'Italia

Il Presidente della Repubblica è Sergio Mattarella

Il Presidente del Senato è Pietro Grasso

Il Presidente della Camera è Laura Boldrini

Il Presidente del Consiglio è Paolo Gentiloni

Il Ministro dell’ Interno è Marco Minniti

Il Ministro degli Affari Esteri è Angelino Alfano

Il Ministro della Giustizia è Andrea Orlando

Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Pier Carlo Padoan

Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Valeria Fedeli

Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Giuliano Poletti

Il Ministro della Difesa è Roberta Pinotti

Il Ministro dello Sviluppo economico è Carlo Calenda

Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali è Maurizio Martina

Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Graziano Delrio

Il Ministro della Salute è Beatrice Lorenzin

Il Ministro di Beni e attività culturali e turismo è Dario Franceschini

Il Ministro dell’ Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare è Gian Luca Galletti

Il Ministro per l Semplificazione e la Pubblica Amministrazione è Marianna Madia (senza portafoglio)

Il Ministro dei Rapporti con il Parlamento è Anna Finocchiaro (senza portafoglio)

Il Ministro dello Sport è Luca Lotti (senza portafoglio)

Il Ministro della Coesione territoriale e Mezzogiorno è Claudio De Vincenti (senza portafoglio)

Il Ministro degli Affari regionali è Enrico Costa (senza portafoglio)

Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco

Il Presidente della Fiat è John Elkann

L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne

Il Segretario Generale del Partito Marxista-Leninista (PMLI) è Giovanni Scuderi

Il Presidente della Federazione dei Verdi è Angelo Bonelli

Il Segretario Nazionale dell’ Italia dei Valori è Ignazio Messina

Il Presidente del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Manuela Palermi

Il Segretario Nazionale del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Cesare Procaccini

Il Presidente dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Gianpiero D’Alia

Il Segretario Nazionale dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Lorenzo Cesa

Il Segretario Nazionale della Rinascita Popolare-Rifondazione DC è Publio Fiori

Il Segretario Nazionale del Partito Democratico (PD) è Matteo Renzi

Il Portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori è Marco Ferrando

Il Presidente dell’ Alleanza per l’Italia (Api) è Francesco Rutelli

Il Presidente Nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) è Nichi Vendola

Il Presidente della Democrazia Cristiana Unificata è Carlo Senaldi

Il Segretario Politico Nazionale della Democrazia Cristiana Unificata è Angelo Sandri

Il Segretario Generale del Partito Comunista è Marco Rizzo
I padroni del mondo

Il Papa è Francesco I

Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Barack Obama

Il Presidente del Federal Reserve System è Janet Yellen

Il Presidente della BCE è Mario Draghi

Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin

Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev

Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Xi Jinping

Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Xi Jinping

La Regina del Regno Unito è Elisabetta II

Il Premier del Regno Unito è Theresa May

La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel

Il Presidente della Repubblica francese è François Hollande

Il Primo Ministro della Repubblica francese è Manuel Valls

Il Re di Spagna è Felipe VI di Borbone

Il Presidente del Governo di Spagna è Mariano Rajoy Brey

Il Presidente dell’ Egitto è Abd al-Fattah al-Sisi

Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu

Il Presidente della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan

Il Primo Ministro della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan

Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee

Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Damodardas Narendra Modi

La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei

Il Presidente dell’ Iran è Hassan Rohani
Cecco Beppe padre di Masaryk?
ItaliaOggi, mercoledì 11 gennaio 2017
Tomas Masaryk, il primo presidente della Cecoslovacchia, era un figlio illegittimo di Francesco Giuseppe, il nostro Cecco Beppe, e di una cuoca? La storia è fatta di storielle, di pettegolezzi, leggende e pregiudizi contro cui inutilmente si battono i professori. Nerone non bruciò Roma ed era meglio di quanto appare nei film hollywoodiani, Cleopatra non era questa gran bellezza, e così via.
Oggi, il Dna serve a chiarire qualche mistero, ad esempio ha stabilito, una volta per tutte, che Anna Anderson, la smemorata apparsa a Berlino dopo la Grande Guerra, non è Anastasia, la figlia dello Zar Nicola. Per l’analisi ci si è serviti anche del Dna del principe Filippo, imparentato con i Romanov.
Adesso, scrive la Frankfurter Allgemeine, il Dna potrà confermare o meno un’altra voce che circola da anni a Praga: il padre di Masaryk fu il Kaiser, che lasciò uno stuolo di figli ovviamente non riconosciuti, oppure un ricco ebreo? E non un povero cocchiere analfabeta come risulta dai documenti dello Stato civile. Perché indagare su una storia del diciannovesimo secolo? Ma la questione interessa molto i cechi. Chi è il padre del padre della patria?
Tomas nacque il 7 marzo del 1850 a Göding, nella Moravia meridionale, a un centinaio di chilometri da Vienna. La madre era Theresia Kropaczek, 37 anni, la cuoca della locale residenza imperiale, che già aveva avuto un figlio illegittimo morto poco dopo la nascita.
Nell’agosto del 1849, quando era incinta di tre mesi, sposò in tutta fretta il cocchiere slovacco Josef Masarik (allora scritto con la i), di dieci anni più giovane, anche se l’uomo era un poveraccio, analfabeta, e non al suo livello sociale. La famiglia di Theresia era di agiati contadini, e il posto di cuoca al servizio del Kaiser era di grande prestigio. Un matrimonio riparatore?
La coppia ebbe altri quattro figli, di cui nessuno, neppure alla lontana, dimostrò le doti del primogenito Tomas, che poté frequentare il ginnasio a Vienna e compiere studi filosofici a Lipsia. Il futuro presidente crebbe come un tedesco e imparò il ceco solo da adulto (scomparve nel 1937).
A Praga si mormorava che il vero padre fosse il commerciante di zucchero Nathan Redlich, un ebreo. Era un uomo di bell’aspetto e a Göding aveva fama di conquistatore. Fu lui a sedurre la bella cuoca? Una voce messa in giro per danneggiare politicamente Masaryk. Cominciò a circolare quando difese con successo un calzolaio ebreo accusato ingiustamente di una morte rituale. Masaryk non era un vero ceco? I figli di Redlich erano molto dotati e fecero carriera, come Tomas. Il commerciante ebreo e Masaryk si frequentavano e si stimavano l’un l’altro. Per lo storico Willy Lorenz non ci sarebbero dubbi: erano padre e figlio.
Ma due anni fa è uscito un libro, Der Kaisers Präsident, in cui David Glockner, uno storico dilettante, sostiene di aver trovato documenti rivelatori: il padre fu il ventenne Kaiser Francesco Giuseppe, che nel giugno 1849 durante le manovre militari soggiornò a Göding, il mese in cui fu concepito Tomas. I funzionari di corte si occupavano anche di trovare hygienische Damen per il giovane imperatore, e Theresia era adatta a soddisfare gli impulsi virili del sovrano. Glockner sostiene di aver trovato un documento di pugno di Francesco Giuseppe in cui è notato «Kropaczek erl» cioè erledigt, risolto. Le nozze della cuoca erano state già organizzate.
Il Kaiser incontrò il politico ceco solo una volta: «Allora, lei sarebbe il Masaryk», si limitò a dirgli. Ora si è deciso di effettuare l’analisi decisiva, servendosi degli abiti del primo presidente esposti nel museo a lui dedicato. Ma qualsiasi sia l’esito, molti continueranno a credere alla storia d’amore di Cecco Beppe con Theresia, la cuoca.
Roberto Giardina

Martedì 17 gennaio 2017
DAI GIORNALI DI OGGI