Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 0000  00 calendario

In morte di Sandro Fontana

Sandro Fontana Alessandro. Fontana nacque il 15 agosto 1936. Nacque a Marcheno, in Val Trompia, in provincia di Brescia. Si iscrisse alla Democrazia cristiana, militò nella corrente Forze nuove fondata da Carlo Donat-Cattin), fu docente di Storia contemporanea presso l’Università statale di Brescia. Per sei anni, dal 1986 al 1992, fu direttore del Popolo, il quotidiano della Democrazia cristiana, guadagnandosi fama e rispetto nel mondo politico e giornalistico per i suoi corsivi firmati Bertoldo. Contemporaneamente fu eletto senatore nel 1987. Il 5 aprile 1992 fu rieletto. Ma in luglio si dimise per giurare come ministro per l’Università e la Ricerca scientifica e tecnologica del primo governo Amato (1992-’93). Nel 1994, con Casini e Mastella, fu tra i democristiani che non aderirono al nuovo Partito popolare, che temevano orientato verso il centrosinistra, e fondarono il Centro cristiano democratico. In quota Ccd, Fontana si presentò con Forza Italia alle elezioni europee. A Strasburgo fu membro di diverse commissioni e si occupò dei rapporti con la Repubblica Ceca, la Slovacchia e la Slovenia. E’ morto martedì 4 dicembre.