Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1976  luglio 15 Giovedì calendario

A Seveso, niente più aria aperta

• Rocca, il sindaco di Seveso emana un’ordinanza di emergenza: divieto di toccare la terra, gli ortaggi, l’erba e di consumare frutta e verdure, animali da cortile, di esporsi all’aria aperta. La voce di una donna continuava a ripetere da un altoparlante: «Non bisogna mangiare, neanche se bollite, verdure, ortaggi, frutta ed altri vegetali, uova, latte, neanche se bollito, e i suoi derivati, carni di genere provenienti dalla zona inquinata».  
• Alle 20 Francesco Rocca chiama anche Mario Galimberti, cronista del Giorno di Milano per raccontare la tragedia dell’Icmesa. Galimberti: «Rocca mi disse: “È successo qualcosa all’Icmesa. Una vampata di un qualcosa. Forse si tratta di una sostanza velenosa”. Ormai era tardi, il giornale era in stampa così decisi di andare a vedere cosa stava succedendo la mattina seguente».