Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 0000  00 calendario

Biografia di Antonella Steni

• (Antonietta Stefanini) Montefiascone (Viterbo) 3 dicembre 1926 – Bologna 18 gennaio 2016. Attrice. Grande notorietà negli anni Sessanta quando, con Elio Pandolfi, formò una delle coppie più brillanti delle nostre scene. Da ultimo vista a teatro in Edith Piaf – L’Hymne à l’Amour (regia di Carlo Lizzani).
• «Ragazzina compare accanto ad Alberto Sordi soldato giovinetto nel film di Carmine Gallone Scipione l’Africano, Leone d’Oro al Festival di Venezia nel 1937. Da allora in poi, un festival di prestazioni diverse, dai film (fra i moltissimi della commedia all’italiana, ricordiamo Il tigre di Dino Risi, con Vittorio Gassman, la Steni nel ruolo di Pinella) alla commedia musicale (citiamo Scanzonatissimo, dal 1963 al 1966, di Dino Verde, con Alighiero Noschese ed Elio Pandolfi e Ti presento Roma mia... dell’85, di Ghigo De Chiara e Fiorenzo Fiorentini, regia di Edmo Fenoglio), dal doppiaggio (ha dato la voce ad Annie Gorassini, Pascale Petit, Moira Orfei e Luciana Angiolillo) alla radio (La mia voce per la tua domenica, con Corrado) e alla televisione (Za-bum per la Rai, 1964/65, di Mario Mattoli, con Walter Chiari, Elio Pandolfi e Lia Zoppelli). Poliedrica, proteiforme, inesauribile, la Steni incarna il tipo dell’interprete brillante all’italiana capace, quando occorre, di scivolare nel carattere o di assurgere al rango di soubrette» (Il Messaggero).