Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 0000  00 calendario

Biografia di Ugo Riccarelli

• Ciriè (Torino) 3 dicembre 1954 – Roma 21 luglio 2013. Scrittore. Premio Strega 2004 con Il dolore perfetto, ultimo libro L’amore graffia il mondo (2012), entrambi editi da Mondadori.
• Famiglia toscana che aprì una rivendita di liquori a Ciriè, studente di filosofia, bibliotecario, impiegato all’ufficio di collocamento e dei telefoni, appassionato di teatro (con Il Teatro del Tè diretto da Claudio Neri ha realizzato Tango delle notti bianche e Garrincha). Nel 2002 arriva a Roma, dove lavora prima nello staff del sindaco Veltroni e poi al Teatro di Roma. Nel 1995 l’esordio Le scarpe appese al cuore (Feltrinelli), cui seguono Un uomo che forse si chiamava Schulz (Piemme 1998) premiato con il Selezione Campiello 1998 e, nella traduzione francese, con il Prix Wizo 2001; poi Stramonio (Piemme 2000 e Einaudi 2009), Il dolore perfetto (Mondadori 2004), forse la sua opera più nota grazie anche al premio Strega; Un mare di nulla (Mondadori 2006), Comallamore (Mondadori 2009).
• «Scrittore anomalo, aspetta i quarant’anni per esordire con Le scarpe appese al cuore (Feltrinelli). Lo farà solo perché spinto dall’urgenza di raccontare la sua rinascita, la nuova vita dopo un’operazione ai polmoni e al cuore che lo strappa alla morte» (Mirella Serri).
• «Una gentilezza così intima da sorprendere, e però ironica, e una scrittura toccante» (Adriano Sofri).