Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 0000  00 calendario

Biografia di Francesco Marchisano

• Racconigi (Cuneo) 25 giugno 1929. Cardinale (creato da Giovanni Paolo II nel 2003). Vicario generale dello Stato Vaticano (nominato da Benedetto XVI nel 2010).
• «Ho studiato fino al sacerdozio a Torino, poi sono stato inviato dall’allora cardinal Fossati a Roma dove ho studiato all’Università Gregoriana e all’Istituto Biblico. Il 19 aprile 1956 mi hanno chiamato alla Congregazione per l’educazione cattolica. Questo ministero s’interessa dei seminari, delle università cattoliche, che sono 650 nel mondo e 230 solo negli Stati Uniti -, delle scuole cattoliche (200 mila nel mondo, con 35 milioni di alunni) e delle vocazioni ecclesiastiche. Per vent’anni sono stato sottosegretario di quella congregazione. Nell’88 il Pontefice ha fatto una piccola riforma della curia romana e ha voluto creare il ministero dei Beni Culturali affidandomene la direzione. Ho dovuto interessarmi di tutti i beni culturali che in duemila anni la Chiesa ha creato nel mondo. L’80 per cento dei beni culturali in Italia sono stati creati dalla Chiesa» (da un’intervista di Alain Elkann).
• Resse l’ufficio fino al 2003, l’anno prima era stato nominato arciprete della Basilica di San Pietro (lasciò nel 2006), presidente della Fabbrica di San Pietro e vicario generale del papa per lo Stato della Città del Vaticano, incarichi lasciati nel 2005 quando assunse la presidenza dell’Ufficio del lavoro della Sede apostolica, fino al luglio 2009, quando, al compimento degli 80 anni, com’è consuetudine nella Curia, dovette dare le dimissioni.
• Juventino [Gian Guido Vecchi, Cds 6/4/2011].