Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 0000  00 calendario

Biografia di Antonio Giolitti

• Roma 12 febbraio 1915 - Roma 8 febbraio 2010. Politico. Deputato dal 1946 al 1976 (prima Pci, poi Psi), ministro del Bilancio nel Moro I (1963-1964), Colombo (1970-1972), Rumor IV e V (1973-1974). Commissario europeo dal 1977 all’85, senatore dall’87 al 1992. Nominato cavaliere di Gran Croce da Napolitano (assieme ad altri quattro membri dell’Assemblea costituente).
• Nipote di Giovanni Giolitti (1842-1928), primo ministro nell’Italia liberale. «Arrestato sotto il fascismo, ferito poi da partigiano, lasciò il Pci il 19 luglio 1957 scrivendo così: “Cari compagni, mi sento autorizzato a rivolgermi ancora a voi con questo appellativo perché le idee e i propositi che mi spingono a presentarvi con questa lettera le mie dimissioni dal Partito comunista italiano nulla rinnegano del mio passato...”. Aveva condannato l’invasione sovietica dell’Ungheria nel 1956, Giolitti, aprendo una falla che comportò, senza essere una scissione, una delle diaspore più importanti nella storia dei comunisti italiani. “L’avvenire dirà se è giusta la via che ora scelgo”, scrisse mentre restava a sinistra da socialista. “Ma intanto la storia sta a dimostrare che se si sbarra la strada alle idee nuove si preclude ogni prospettiva di conquista del potere”, avvisò. L’avvenire, è forse il caso di dire, si è pronunciato» (Maurizio Caprara).
• Tre figli.