Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 0000  00 calendario

Biografia di Gian Carlo Corada

• Castelleone (Cremona) 16 febbraio 1951. Politico. Ex sindaco di Cremona dal 2004 (prima Ds, poi Pd, giunta di centrosinistra. Alle elezioni del 2009 ha perso al ballottaggio con il candidato di centrodestra Oreste Perri).
• Laurea in Lettere e Filosofia all’Università Statale di Milano, professore di storia in diversi istituti superiori. Per alcuni anni è stato borsista presso il Cnr. È stato presidente della Provincia di Cremona dal 1990 al 2004. Impegnatissimo sul fronte della sicurezza (videocamere, vigilantes, una polizza assicurativa stipulata dal Comune a favore di eventuali vittime della microcriminalità): «Sceriffo non è una brutta parola ma io non sono un forcaiolo» (a Fabio Poletti). Nell’aprile 2008, dopo le dimissioni dell’assessore Caterina Ruggeri e nonostante si fosse reso disponibile all’interim, il Pd gli ha imposto l’arruolamento di Ciriaco Sorrentino, ex vicequestore e per trent’anni al servizio delle forze dell’ordine di Cremona, come nuovo assessore alla sicurezza. È stato Vice-Presidente dell’Unione Province Lombarde e Coordinatore della Commissione Cultura dell’Unione Province d’Italia. È stato inoltre Presidente dell’Associazione Promozione Iniziative Culturali (APIC).
• Ha scritto alcuni libri, tra i quali il giallo politico Delitto al Pirellone (M & B Publishing 2003). Si è occupato anche di storia cremonese, dedicando studi a Miglioli, Bernamonti, Genala e Cappi.
Nel 2013 ha lasciato il Consiglio comunale di Cremona «Ho degli accordi professionali da onorare, e quando torno a casa è giusto che il mio tempo sia per la mia famiglia e mio padre. Ho sempre criticato chi ricopriva incarichi in consiglio o in giunta ma poi non li svolgeva al meglio, collezionando più assenze che presenze (…) per coerenza, quindi, lascio» [L’Inviatoquotidiano.it 5/3/2013]. Dallo stesso anno è ideatore e conduttore del programma televisivo Mimesis sul canale digitale Rai5.
• Separato. Ha una figlia.