Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1870  settembre 20 calendario

Roma, capitale dello Stato pontificio, è circondata da cinquantamila soldati del Regno d’Italia organizzati in cinque divisioni militari al comando supremo del generale Raffaele Cadorna

Roma, capitale dello Stato pontificio, è circondata da cinquantamila soldati del Regno d’Italia organizzati in cinque divisioni militari al comando supremo del generale Raffaele Cadorna. Quattro sono distribuite sulla riva sinistra del Tevere, davanti alle mura Aureliane (porta del Popolo, porta Pia, porta San Lorenzo, porta San Giovanni); la quinta, sulla riva destra, presidia le possenti mura Vaticane. Quest’ultima è guidata dal “garibaldino” Nino Bixio: al più anticlericale dei generali italiani è affidato il compito di attaccare la cittadella del papa re.

Ecco la giornata, ora per ora: