Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1870  settembre 20 calendario

Il Papa re perde il suo regno

Ore 18-19. Il generale Kanzler torna in Vaticano e riferisce a Pio IX le condizioni della resa. La guerra è perduta. Il papa re non ha più il suo regno. Si cerca di capire quale sarà l’atteggiamento dell’aristocrazia romana. Compito difficilissimo. Sotto il cielo di Roma tutto si stempera, le passioni politiche appaiono sfumate, indefinite. Tra la “nobiltà nera” (così vengono definiti i partigiani del pontefice) le famiglie che appaiono decisamente schierate con il Santo Padre sono i Barberini, i Chigi, gli Aldobrandini, i Lancellotti, i Salviati, i Patrizi, i Theodoli, i Ricci-Paracciani, i Sacchetti, i Serlupi. Gli altri, chissà. [Antonio Di Pierro]