Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1870  settembre 20 calendario

Il Re riceve notizia dell’ingresso a Roma

Ore 12-13. Per un malfunzionamento del telegrafo solo a mezzogiorno, a Firenze, il re e il premier Giovanni Lanza apprendono che Roma è conquistata. Questo il dispaccio del generale Cadorna: «Ore 10 forzata porta Pia e breccia laterale aperta in quattro ore, colonne entrano con slancio malgrado vigorosa resistenza». A villa Albani, intanto, il capodelegazione dell’esercito pontificio, colonnello Filippo Carpegna, mostra ai rappresentanti del comando italiano due buste contenenti le proposte di resa dello Stato della Chiesa. Ma Cadorna annuncia che avvierà trattative solo con il capo dell’esercito del papa, nonché ministro delle Armi, Hermann Kanzler. [Antonio Di Pierro]La veduta delle mura e sulla destra la breccia di porta Pia eseguita dalle truppe italiane il 20 settembre 1870, Tuminello Lodovico, Torino, Roma (Istituto per la storia del Risorgimento italiano)