Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1870  settembre 20 calendario

Cominciano le trattative di pace

Ore 11-12 A villa Albani (sulla via Salaria, poche centinaia di metri da porta Pia), quartier generale dell’esercito italiano, cominciano le trattative di pace con una delegazione dell’esercito pontificio. I romani, che durante la battaglia sono rimasti rintanati nelle case, cessato il cannoneggiamento sembrano non avere più paura. Dice l’inviato del “Fanfulla” di Firenze, Ugo Pesci: «Le finestre si aprono timidamente, qualche testa s’affaccia, qualcuno scende in strada e domanda se gli italiani sono entrati. Una bella vecchia popolana mi ha fermato, voleva sapere notizie del suo figliolo emigrato a Napoli, né facilmente s’è persuasa che non lo conosco neppur di nome». [Antonio Di Pierro]