Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2013  marzo 02 Sabato calendario

INNAMORATO PAZZO

Una gita da far subito adesso è andare al lago Fratelli Zampa. Come gita è molto bella e ti impegna 2-5 ore. Il lago Fratelli Zampa è uno dei laghi in Europa più belli. Si trova in Italia, a 30 km da Milano. E’ largo 1 km, lungo 2 e l’acqua è profonda fissa 1,5 m. Anche in pieno inverno puoi fare il bagno. Prima il lago Fratelli Zampa si chiamava lago Numero 1, poi gli hanno messo quel nome lì. Ho cercato di contattare i fratelli Zampa, ma sono vissuti nel 1850. Non avevano nessun merito, non si capisce perché le autorità hanno dedicato loro un lago così bello. Per un breve periodo il lago Fratelli Zampa prese il nome di lago dei Cani. Adesso stanno raccogliendo le firme per cambiare nome in lago delle Femmine di Toro. Per me chiamatelo come volete, il lago Fratelli Zampa è bellissimo. Ci sono delle spiagge con sabbia finissima e bianca. Sull’altra sponda, erba tipo campi da golf che va dolcemente fino all’acqua. Qui puoi prendere il sole con il tuo cane. Ecco il motivo del nome il lago dei Cani, volgarmente chiamati “sgarolfi”, per cui lago degli Sgarolfi. La competenza non si sa di chi è. Il comune più vicino, a 10 minuti in bicicletta, è stato chiuso per mafia, ma il provvedimento non risulta. Ieri sono andato in comune: “Sindaco, il lago degli Sgarolfi è suo?”. Sindaco: “No, appartiene al Parco sud, domani vado a fare il bagno e chiedo se sanno chi è il padrone”. Il fondo del lago è sabbioso, per cui puoi fare il bagno a piedi nudi. E’ interdetto ai mezzi a motore. Puoi fare canoa, windsurf e gare di culturismo su una pedana posta nel lago. Le sdraio attorno al lago sono di bambù. Anche i cinque bar lungo il perimetro del lago sono di bambù, infatti durante le risse tra bande di delinquenti si spaccano il bambù gli uni contro gli altri. Volendo si può fare il giro del lago a piedi, ci metti sette ore, in bicicletta due orette. A metà strada ti chiedono il pizzo. Non è tanto, due euro. Se non lo paghi ti bucano la bicicletta, che non è tua ma è a noleggio. Chi chiede il pizzo è anche il titolare del noleggio bici, per cui va contro i suoi interessi. Che sarebbe il contrario del conflitto di attribuzione. Ad esempio, a chi spetta intervenire per far chiudere il lago? La finanza o la forestale? Il cartello parla chiaro: “Divieto di balneazione”. Ma perché? E’ così bello. Ripeto, è l’unico lago del nord Italia dove puoi fare il bagno tutto l’anno. Anche di sera è illuminata una sponda, quella dell’erbetta tipo golf, quindi si può fare il bagno sempre, a ogni ora. Non vorrei far pubblicità, ma il lago delle Quattro Zampe è forse il luogo più rilassante del pianeta. Certo, in pieno inverno appena esci dal lagone devi coprirti. Ma nemmeno tanto. In inverno, la temperatura attorno al lago è in media di 15 gradi più elevata di Milano (se a Milano c’è zero…). In estate invece è fissa 28 gradi. All’Unesco dicono che è il microclima più bello del pianeta. Nonostante tutta questa bellezza, in spiaggia trovi gente che si lamenta, e che dalla delusione non vanno più a votare. Tanti mi domandano: “Si può stare fissi tutto l’anno lungo il lago Quattro Zampe, girare in costume e ciabatte, prendere il sole e fare tornei sulla sabbia di tiro alla fune?”. Rispondo francamente: “Sì! Al giorno spendi 7-8 euro, c’è una tavola calda che è rifornita con le cose che avanzano alla mensa dei poveri di Milano. Tutta roba buonissima. Per dormire ci sono dei bungalow, costo per notte 1 euro. Abbonamento annuale 365 euro. C’è anche una zona campi da tennis. Venti campi, dieci in sintetico, cinque in terra battuta rossa e cinque in erba. C’è anche un minimarket per chi volesse mangiare e bere nel bungalow, anch’esso di canna di bambù. Per quanto riguarda l’imbarcazione del bagnino, è di bambù. In 70 anni di attività balneare il bagnino non è mai dovuto intervenire.
Rettifico: l’acqua del lago Sgarolfo è alta un metro fissa. C’è una buca in mezzo al lago che è profonda 30 metri, ma è vietato andare. Anche perché chi è andato ha detto: “E’ una balla, la buca non esiste, si tocca anche qui”. Non so chi ha messo in giro una balla del genere. Io cinque anni fa avevo detto, nel parlare in un bar a Milano: “Al lago Quattro Zampe c’è una buca profonda che non si è mai vista una profondità così”. Ma non pensavo che la cosa diventasse di dominio pubblico. Comunque la buca non c’è. Anzi, c’è una duna di sabbia in mezzo al lago, larga 70 metri e lunga due. Tanti vanno lì a fare i cretini. Ma non c’è motivo. Se vuoi fare il deficiente puoi farlo anche in spiaggia.